Quagliarella a giugno: una “minaccia” lecita…

Quagliarella a giugno: una “minaccia” lecita…

Tutti in pressing su Lotito. Non solo la Nord e i tifosi, ci sono pure Reja e Klose ora col fiato sul collo. Insaziabili “vecchietti”, pretendono un futuro ambizioso e garantito: 4-5 campioni su cui rifondare la gloria loro e della Lazio. Basta scuse, altrimenti saranno dolori, separazioni. Il tecnico…

Tutti in pressing su Lotito. Non solo la Nord e i tifosi, ci sono pure Reja e Klose ora col fiato sul collo. Insaziabili “vecchietti”, pretendono un futuro ambizioso e garantito: 4-5 campioni su cui rifondare la gloria loro e della Lazio. Basta scuse, altrimenti saranno dolori, separazioni. Il tecnico ha risalvato la baracca, non ha fiatato a gennaio, ma a giugno farà sentire la sua voce. Miro invece la sta già alzando in sede contrattuale.

 

 

Non c’è solo il nodo economico nei ritardi della firma (incontro slittato alla prossima settimana), ma piuttosto una mancanza di fiducia. In silenzio, il panzer è rimasto parecchio scottato dalle ultime campagne biancocelesti, vuole chiudere a testa alta la sua carriera.A 36 anni, né soldi, né altre promesse dirigenziali, Klose vuole “veri” compagni d’attacco. Bastoni per la sua “vecchiaia”. Il suo alleato è Reja, che abbraccerà senz’altro Djordjevic, ma aspetta pure Quagliarella. Stavolta, a giugno, l’affare si dovrà fare. E’ una “minaccia” lecita. (Il Messaggero)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy