Corradi e l’atteggiamento degli arbitri: “A Verona mi ignoravano, nella Lazio mi chiamavano per nome…”

Corradi e l’atteggiamento degli arbitri: “A Verona mi ignoravano, nella Lazio mi chiamavano per nome…”

“Quattro giornate per Higuain sono eccessive. Purtroppo, però, non sempre c’è molta trasparenza tra l’operato dell’arbitro”

ROAM – Bernardo Corradi, ex attaccante dell’Udinese, ha rilasciato alcune dichiarazioni a Radio Punto Zero: “Quattro giornate per Higuain sono eccessive. Purtroppo, però, non sempre c’è molta trasparenza tra l’operato dell’arbitro e quello che viene scritto nel referto. Nonostante l’alto rendimento, ad Udine ho visto Higuain troppo nervoso. Il suo gesto va punito, ma ripeto: quattro giornate sono troppe. In studio, da regolamento viene punita la condotta violenta o l’intenzionalità della condotta violenta. Felipe scalcia Higuain, che prova a raggiungerlo con la spalla ma neppure lo tocca: Felipe ha ingigantito il contatto. La discriminante sono le due mani sul petto dell’arbitro. Esistono due pesi e due misure non tanto nella valutazione ma nell’atteggiamento di giocatori diversi e l’ho vissuto sulla mia pelle quando giocavo nel Chievo, una piccola della Serie A. Ho visto la differenza giocando nella Lazio, oppure in Nazionale: prima l’arbitro neppure mi pensava, poi improvvisamente mi chiamava per nome. La piazza di Napoli ha tutto per vincere, non bisogna pensare sempre al complotto. Ricordo a Sarri che in Inghilterra nessuno si lamenta del campionato spezzettato”.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy