DIRITTI TV – CorSera: “Lotito indagato”, Avv.gentile: “Non ne sappiamo nulla”

DIRITTI TV – CorSera: “Lotito indagato”, Avv.gentile: “Non ne sappiamo nulla”

Parla l’Avv.Gentile

Lippi

ROMA – Asta dei diritti tv alterata a monte, Infront che sosterrebbe in modo poco trasparente alcuni club italiani come Genoa e Bari. Queste le ipotesi sulle quali starebbe indagando la procura di Milano, all’interno di questa corposa indagine sarebbe finito, secondo Il Corriere della Sera, anche Claudio Lotito. Come scrive Via Solferino, il presidente della Lazio sarebbe indagato per “ostacolo all’attività di vigilanza della Covisoc”, ovvero l’imprenditore avrebbe agito per nascondere, all’occhio dell’organo che monitora i conti della società calcistiche, l’aiuto offerto da Infront al Bari par sistemare i bilanci e consentire ai pugliesi l’iscrizione al campionato cadetto. “Non sappiamo nulla in merito a questa indagine – dice l’avvocato Gian Michele Gentile, raggiunto telefonicamente dalla redazione di Radiosei – Ovviamente al sottoscritto non poteva giungere nulla, non essendo stato nominato legale di fiducia di Lotito perché al momento il presidente non è al corrente di nessuna iscrizione nel registro degli indagati. Sottolineo come anche l’avviso di garanzia non debba essere comunicato all’indagato, ovvero una persona può essere indagata senza saperlo, arrivare al termine delle indagini, essere archiviato e non saperlo mai”. Facile immaginare che dopo le prime pagine odierne, dei giornali sportivi e non, Claudio Lotito chiederà lumi agli inquirenti, a quel punto obbligati a chiarire la posizione dell’imprenditore capitolino. (LazioFamily)

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy