• SUL CAN.85 DELLA TUA TV TROVI CITTACELESTE TV - 24 ORE AL GIORNO, IN DIRETTA, PER PARLARTI DI LAZIO!

Federsupporter – Diritti TV: il Tribunale di Milano fa proprie le perplessità già espresse da Federsupporter.

Federsupporter – Diritti TV: il Tribunale di Milano fa proprie le perplessità già espresse da Federsupporter.

La nota di Federsupporter

di redazionecittaceleste
 Con mie Note del 26 marzo e del 9 aprile scorsi (cfr.www.federsupporter.it), con riferimento alla Delibera del 14 marzo scorso dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM), nel
  • richiamare le condizioni poste in tale Delibera all’aggiudicazione a Mediapro dei diritti audiovisivi
    per il periodo 2018-2021, avevo espresso perplessità, in particolare, circa il divieto per
    l’intermediario indipendente ( Mediapro) di svolgere attività di operatore della comunicazione.
    Attività in cui, per citare la Delibera, rientrano quelle “ commerciali e editoriali connesse alla
    diffusione delle immagini o di suoni e dei dati relativi all’evento”.
    Cosicchè, sempre secondo la Delibera, qualora, in specie, l’intermediario indipendente avesse
    assunto “ obblighi editoriali in materia di pubblicità”, avrebbe assunto, in maniera surrettizia, la
    responsabilità editoriale che compete esclusivamente agli operatori della comunicazione “ Tale da
    integrare la violazione o quantomeno l’elusione delle norme che regolano le modalità di
    commercializzazione dei diritti”.
    Ed è proprio principalmente sulla base di questo rilievo che il Tribunale di Milano, su ricorso di
    SKY, ha riconosciuto che Mediapro assumerebbe “ una forma di responsabilità editoriale, al di
    fuori dell’ambito di attività dell’intermediario indipendente”, con conseguente annullamento
    dell’aggiudicazione dei diritti alla stessa Mediapro.
    Non solo, ma la decisione del Tribunale di Milano ha, altresì, evidenziato che “ la conformazione
    dei pacchetti audiovisivi come rappresentata nei pacchetti principali esclusivi accolla ad essi costi
    aggiuntivi che determinano necessariamente la lievitazione dei prezzi dei singoli pacchetti. Tali
    costi sarebbero ulteriormente aggravati qualora l’operatore dell’informazione scegliesse di
    procedere all’acquisto anche dei pacchetti opzionali. Non pare contestabile che in tal modo i prezzi
    al consumatore di tali spettacoli televisivi sarebbero inevitabilmente gravati da tali oneri”.
    Laddove il giudice ha tenuto conto del rilievo di cui alla Delibera della AGCM, secondo cui
    l’aggiudicazione dei diritti deve avvenire “ senza danno e senza pregiudizio per i consumatori”.
    Peraltro, nelle mie Note “ Diritti televisivi : concessione ad un intermediario indipendente della
    licenza di tutti i diritti” del 7 febbraio scorso, pure consultabile sul sito www.federsupporter.it,
    avevo criticato la possibilità prevista dal vigente Decreto legislativo n.9/2008, così detto “ Legge o
    Decreto Melandri”, di cedere da parte della Lega Calcio di Serie A la commercializzazione di tutti i
    diritti audiovisivi ad un intermediario indipendente.
    Quanto sopra, sul presupposto che la ratio del monopolio riconosciuto alla suddetta Lega di vendere
    tali diritti si basa sul riconoscimento alla stessa Lega di essere il soggetto istituzionale
    rappresentativo del calcio professionistico.
    Pertanto, a mio avviso, il diritto riconosciuto alla Lega non può, a propria volta, essere oggetto di
    commercializzazione, così come, invece, avviene nel caso in cui, non singoli diritti, bensì il diritto
    nella sua interezza venga ceduto ad un soggetto terzo estraneo all’ordinamento calcistico.
    ___________________________________________
    Via Alberico II, 11 – 00193 Roma
    Tel./fax 06 68192311
  • In ordine, poi, all’incidenza dei ricavi delle società di calcio derivanti dai diritti audiovisivi, basti
    considerare che, secondo una inchiesta annuale della “Gazzetta dello Sport” sui bilanci delle
    predette società ( cfr. articolo di Marco Iaria su www. gazzetta.it del 25 marzo scorso), “I diritti tv (
    compresi quelli da coppe europee) pesano per il 56% ( 1, 262 mld) contro il 22 % del segmento
    commerciale ( 496 mln) ed appena il 10 % dello stadio ( 230 mln)”.
    E, ancora “ Spesse volte la continuità aziendale si basa sulla cesisone degli asset-calciatori, con gli
    azionisti che faticano a supportare il club: nel corso del 2016-2017 gli interventi dei soci- tra
    versamenti in conto capitale e prestiti- sono stati di circa 380 mln, la metà dei quali da parte della
    stessa Suning… Con questi parametri la sostenibilità corre sempre sul filo, in alcuni casi è
    pesantemente compromessa “.
    ChecosasuccederàdopoladecisionedelTribunalediMilanoè,almomento,difficiledire,anche
    se , a parte l’esito di un eventuale ricorso di Mediapro contro la decisione, propendo per un accordo
    di compromesso tra la Lega Calcio di Serie A, la stessa Mediapro e SKY che, in qualche modo,
    salvando “ capra e cavoli”, possa accontentare tutte le parti in causa, pur sempre nel rispetto di
    quanto sancito dal suddetto Tribunale.
    Sono anche dell’opinione che si sia giunti a tanto perché, secondo le migliori tradizioni, taluni “
    furbetti del palloncino” abbiano contato sul fatto che, alla fine, la AGCM sarebbe stata “ benevola
    nel far rispettare ed applicare certe norme di legge che, invece, ha puntualmente e doverosamente
    applicato: come quelle che vietano ad un intermediario indipendente di svolgere, apertamente o
    surrettiziamente, attività tipiche di operatore della comunicazione.
    Infine, a riprova del fatto che Federsupporter, come al solito, anche questa volta, “ l’aveva detto”,
    ignorata, come al solito, dagli organi di informazione, si trascrive in calce il testo delle richiamate
    Note del 9 aprile scorso.
    Avv. Massimo Rossetti
    Bando di Mediapro per l’aggiudicazione dei diritti audiovisivi: i “ paletti” posti dall’Antitrust.
    Come riferito da notizie di stampa, il 6 aprile scorso Mediapro ha pubblicato il Bando in oggetto.
    Quest’ultimo prevede la commercializzazione di sette pacchetti di cui non vengono, per il
    momento, indicati i prezzi minimi che saranno contenuti in una scrittura privata autenticata o in un
    atto pubblico depositato, prima dell’apertura delle buste con le offerte, presso un Notaio di Milano
    di fiducia di Mediapro.
    Il Bando non contempla esclusive per prodotto e ciascun operatore della comunicazione potrà
    acquistare prodotti per più di una piattaforma.
    Mediapro si riserva di commercializzare gli spazi pubblicitari e vengono offerti sei pacchetti
    opzionali che permettono di personalizzare il prodotto a livello editoriale e pubblicitario.
    Ciò premesso, alla luce di quanto sopra, occorre ribadire alcune precisazioni già fatte con le mie
    Note “ Diritti TV: la delibera dell’Antitrust del 14 marzo 2018 non lascia spazio ad interpretazioni
    del 26 marzo scorso ( cfr.www.federsupporter.it).
    L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) nella citata Delibera ( punto 26),
    richiamato testualmente l’art. 7, comma 6, del Decreto Legislativo 9 gennaio 2008, n. 9, così detto
    “Decreto Melandri”, ha stabilito che l’intermediario indipendente ( Mediapro) può procedere alla
    formazione o alla modifica dei pacchetti “ previa approvazione” della stessa AGCM e
    dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ( AGCOM) .
    Nella Delibera è, altresì, sancito il divieto per l’intermediario indipendente di svolgere, anche dopo
    l’aggiudicazione dei diritti, attività di operatore della comunicazione.
  • Attività in cui rientrano espressamente quelle “ commerciali e editoriali connesse alla diffusione
    delle immagini o dei suoni e dei dati relativi all’evento”.
    Non è, pertanto, consentito all’intermediario indipendente di precludere o limitare, riservandolo a sè
    stesso, agli operatori della comunicazione il diritto di abbinare ai prodotti audiovisivi iniziative
    pubblicitarie ( sponsorizzazioni, patrocinio, abbinamento, inserimento di flash pubblicitari) e
    promozionali ( quiz, concorsi a premio), purchè’ le stesse non comportino alcuna utilizzazione delle
    immagini di tesserati o di loghi o di altri segni distintivi della Lega Calcio di Serie A o delle società
    sportive.
    Diritto, quello di cui sopra, che, rientrando nella nozione di responsabilità editoriale che costituisce
    il discrimine tra operatori della comunicazione e intermediari indipendenti, è espressamente
    previsto al punto 11.2.5 degli “ Obblighi editoriali in materia di pubblicità” dell’Invito ad offrire
    formulato dalla Lega Calcio di Serie A.
    Diversamente, l’intermediario indipendente assumerebbe, in maniera surrettizia, la responsabilità
    editoriale che compete esclusivamente agli operatori della comunicazione “ Tale da integrare la
    violazione o quantomeno l’elusione delle norme che regolano le modalità di commercializzazione
    dei diritti” ( punto 32, pag. 12 della Delibera).
    Per finire, ribadisco che nella Delibera si specifica ( punto 39) che l’aggiudicazione dei diritti deve
    avvenire “ senza danno ai consumatori, riservandosi la AGCM di verificare che, per l’appunto,
    tale aggiudicazione non avvenga “ con pregiudizio per i consumatori “ ( pag. 15).
    Avv. Massimo Rosset
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy