FEDERSUPPORTER – Lazio-Napoli: chi l’ha vista?

FEDERSUPPORTER – Lazio-Napoli: chi l’ha vista?

La nota di Federsupporter

di redazionecittaceleste

 

ROMA – Come era facile prevedere e come, poi, si è puntualmente verificato, la partita Lazio-Napoli del 18 agosto scorso l’hanno potuta vedere pochi in TV e quelli che l’hanno veduta in streaming ne hanno potuto vedere solo alcuni frammentari spezzoni.

In questo senso innumerevoli sono state e sono le proteste pervenute da tutte le parti, in ogni sede e con ogni mezzo.

Questo “flop” annunciato è il frutto della spregiudicata rapacità delle società di calcio che ha prodotto il nefasto, per i consumatori e gli utenti, esito finale della gara di aggiudicazione dei diritti audiovisivi per le partite di calcio relativamente al periodo 2018-2021.

Un esito nefasto e giuridicamente illegittimo come ampiamente illustrato e motivato nelle mie Note “ Tutte le partite in TV: Un grave pregiudizio per i consumatori” del 2 agosto scorso, consultabili sul sito www. Federsupporter.it, cui, pertanto,  mi riporto integralmente.

Un esito, giova ribadirlo, basato sulla sussistenza di presupposti di fatto invece inesistenti, quali : un ampio livello di diffusione di internet tra la popolazione italiana e l’idoneità della rete nazionale a garantire una fruibilità e fruizione di spettacoli, quali quelli calcistici, in maniera adeguata  e sufficiente.

Inidoneità, tanto più grave, se si pensa che DAZN  si è aggiudicata in esclusiva la trasmissione in rete di tutte le partite di Serie B che interessano milioni di spettatori di località medio-piccole non raggiunte dalla rete.

Aggiungasi che, così come rilevato nelle mie citate Note, l’esito dell’aggiudicazione  risulta palesemente contrario al principio sancito nella Delibera del 14 marzo scorso dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ( AGCM), secondo cui tale aggiudicazione non avrebbe dovuto comportare alcun pregiudizio per i consumatori.

Pregiudizio che, viceversa, si è verificato e si verifica, non solo sotto il profilo economico, ma anche, come detto, sotto quello della impossibilità o notevole difficoltà per milioni di utenti di fruire dello spettacolo.

Senza, poi, voler trascurare che, secondo la giurisprudenza della Corte di Giustizia Europea (vedasi, in particolare, la sentenza Sezione III, Causa C.201/118 del 18 luglio 2013), è consentito ad uno Stato membro di “ prendere misure compatibili con il diritto comunitario volte ad assicurare che le emittenti televisive soggette alla sua giurisdizione non trasmettano in esclusiva eventi che esso considera di particolare rilevanza per la società in modo da privare una parte importante del pubblico dello Stato membro della possibilità di seguire i suddetti eventi”.

Purtroppo, nessun riscontro e nessun esito ha avuto sinora la formale richiesta di Federupporter dell’8 agosto scorso al Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, con delega allo sport, On.le Giorgetti, affinchè, grazie ad un intervento urgente del Governo, fosse stato e sia scongiurato quello che è avvenuto il 18 agosto scorso e che è destinato a continuare ad avvenire.

Federsupporter, quindi, raccogliendo il “ grido di dolore” che si è levato e si leva da una moltitudine di tifosi, consumatori ed utenti delle partite di calcio in TV, si attiverà nei primi giorni del mese di settembre prossimo nei confronti di una primaria Associazione di consumatori per la messa a punto e promozione di una eventuale azione collettiva , così detta “class action”, contro  DAZN, SKY e Lega Calcio Serie A, a tutela dei diritti e degli interessi collettivi di una così vasta categoria di utenti e consumatori.

Questi ultimi che non ne possono più di essere trattati, senza ritegno, alla stregua di sudditi, di “ utili idioti”, di limoni da spremere, di dipendenti dall’”oppio” calcistico, da un sistema calcio profondamente malato, sempre più sull’orlo del baratro e che si è macchiato e si macchia continuamente di ogni, peggiore nefandezza materiale e morale.

Avv. Massimo Rossetti

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy