Federsupporter – OTTO EURO: il prezzo del diritto violato

Federsupporter – OTTO EURO: il prezzo del diritto violato

La nota di Federsupporter

ROMA – Federsupporter, nel prendere atto del Comunicato della SS Lazio spa del 2 novembre scorso, che consente agli abbonati della Curva Nord, chiusa a seguito di provvedimento della Giustizia sportiva, di poter accedere a tutti i settori dello Stadio Olimpico relativamente alla gara Lazio-Udinese del 5 prossimo, deve rilevare quanto segue.
La decisione della SS Lazio è conforme a quanto sancito dalla sentenza n. 6004 , Sezione X, del Tribunale Civile di Roma, laddove consente agli abbonati nella Curva Nord di accedere a tutti gli altri settori dello stadio, assumendo a proprio carico la differenza tra il prezzo del biglietto del “ nuovo” posto e la quota di abbonamento non potuta usufruire a causa del ricordato provvedimento della Giustizia sportiva.
Non è invece conforme laddove, a differenza di quanto deciso per la gara Lazio-Cagliari del 22 ottobre scorso, pone a carico degli abbonati alla Curva Nord un onere di otto euro, non meramente simbolico ( il 40% del costo della quota di abbonamento non potuto usufruire) per poter utilizzare il proprio abbonamento in un settore analogo(Curva Maestrelli) a quello chiuso.
Con l’occasione, non si può non rilevare come sia stata proprio Federsupporter a richiamare l’attenzione della SS Lazio sulla predetta sentenza ( cfr. lettera del 6 ottobre, richiamata il 16 ottobre allo SLO della Società) affinchè venisse applicata.
Così come Federsupporter ha ribadito l’obbligo di osservanza delle statuizioni del Giudice ordinario che non possono essere, legittimamente e lecitamente, disattese e disapplicate, o fatte disattendere e disapplicare ad atti o decisioni di qualsiasi tipo e provenienza di Organi dell’ordinamento sportivo.
Ordinamento settoriale cui l’ordinamento statale riconosce sì autonomia e specificità, ma fermo restando che il primo deve rimanere, comunque, sottordinato rispetto all’Ordinamento statale.
Infatti, decisioni e atti dell’ordinamento sportivo non possono mai ledere o vanificare i diritti soggettivi e gli interessi legittimi previsti e garantiti dall’ordinamento generale.
Pertanto, l’osservanza di norme generali, così come interpretate ed applicate dal Giudice ordinario, non possono mai essere impedite da atti e/o decisioni federali.
Conseguentemente, Federsupporter si riserva di promuovere ogni opportuna azione a tutela dei diritti dei tifosi abbonati quali consumatori, qualora fosse impedito l’esercizio di tali diritti.
Si rimarca, infine, a proposito di deontologia professionale, come gli organi di informazione, fatta salva qualche rara eccezione, abbiano finora “ dimenticato” di citare Federsupporter quale fonte primaria della segnalazione e della richiesta di applicazione, pure ampiamente pubblicizzate, della sentenza del Tribunale Civile di Roma.
Il Presidente
Alfredo Parisi

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy