Futuro? Inzaghi-Lazio, discorso chiuso… o quasi

Futuro? Inzaghi-Lazio, discorso chiuso… o quasi

Simone ha lavorato benissimo sul campo, prepara alla grande le partite, ha corretto appena il 4-3-3 con alcune idee nuove, sviluppando il gioco in profondità. Ha le caratteristiche per diventare un ottimo allenatore…

ROMA – Andare avanti con Simone Inzaghi o virare su un allenatore di esperienza e in grado di garantire, solo attraverso il suo back-ground, un immediato rilancio? E’ questo l’interrogativo principale a cui dovranno trovare una risposta i dirigenti della Lazio. Dopo due vittorie limpide e piene di bei segnali con Palermo ed Empoli – scrive il Corriere dello Sport – la squadra biancoceleste ha perso con Juve e Samp nel segno della discontinuità che troppe volte ha caratterizzato la stagione. Gli atteggiamenti di alcuni giocatori, le stesse negatività di cui era stato vittima Pioli in precedenza, hanno messo in allarme Lotito e Tare. Simone ha lavorato benissimo sul campo, prepara alla grande le partite, ha corretto appena il 4-3-3 con alcune idee nuove, sviluppando il gioco in profondità. Ha le caratteristiche per diventare un ottimo allenatore, ma nessuno può ancora essere certo che possieda le spalle larghe e la personalità per domare uno spogliatoio inquieto. Si progettano cessioni eccellenti, si va verso una stagione complicata, si lavorerà dentro la contestazione, ci sono dei rischi: la Lazio non può sbagliare niente o quasi, indovinando l’allenatore. La rincorsa all’Europa avrebbe dato a Simone maggiore potere contrattuale. Ormai il discorso è chiuso, ma è ovvio che incassare stasera la terza sconfitta di fila azzererebbe le sue possibilità. Una vittoria di prestigio con l’Inter del suo amico Mancini, invece, gli darebbe forza. E intanto, Lotito pensa alle mosse per il futuro della Lazio: CONTINUA A LEGGERE

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy