L’accusa, Carlo Tavecchio denunciato per delibera falsa a favore di Lotito

L’accusa, Carlo Tavecchio denunciato per delibera falsa a favore di Lotito

La denuncia parte da Sergio Briganti ex Presidente del Pergocrema

ROMA – La Figc ha aiutato Claudio Lotito con una delibera falsa”. Questa è l’accusa dell’ex proprietario del Pergocrema Segio Briganti, raccolta in una denuncia nei confronti di Carlo Tavecchio, il presidente della Lazio Lotito e il segretario generale della Federcalcio Antonio Di Sebastiano. Il fulcro della questione – come si evince in un articolo de ilfattoquotidiano.it –, sarebbe la rapidità con cui venne concesso il via libera a Claudio Lotito per denunciare in sede penale il dg dell’Ischia Pino Iodice, dopo le accese discussioni tra i due scaturite dalla celebre telefonata diffusa poi dal dirigente campano più di un anno fa. In qualità di tesserato, Lotito avrebbe dovuto attendere l’ok del presidente della Figc per far partire un procedimento nei confronti di un altro tesserato, e rompere dunque la clausola compromissoria. Un permesso che – stando sempre a quanto riportato nell’articolo – sarebbe arrivato in sole 24 ore, mediante la falsificazione di una delibera del Consiglio federale. Secondo Briganti, tale delibera non sarebbe altro che un clamoroso falso, come testimoniato dagli screenshot dei computer interni alla Figc riconducibili alla stessa denuncia: l’idea di base è che ora esisterebbero negli archivi della Federcalcio due delibere con lo stesso progressivo, proprio per via dell’inserimento di quella falsa. Intanto il mercato entra nel vivo >>> CONTINUA A LEGGERE

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy