Lazio, desolazione allo stadio. Recitate un mea culpa. Tutti. Nessuno escluso.

Lazio, desolazione allo stadio. Recitate un mea culpa. Tutti. Nessuno escluso.

Tornelli, vetri di separazione, parcheggi inesistenti e le multe in caso di cambio del posto…

 

ROMA – Stadio vuoto? L’ultima immagine è quella del 25 settembre, sfida contro l’Empoli. Un silenzio quasi surreale e quei due urli ai gol di Keita e Lulic dei poco più di dodici mila presenti. Quanta nostalgia rispetto al 12 aprile quando – scrive Il Messaggero – ad intonare il loro canto libero c’erano quasi 50 mila laziali sempre nella sfida contro l’Empoli. L’Olimpico da caldo e colorato è diventato gelido. Il poco feeling con la società è cosa orma nota e di certo non ha giovato il tradimento di Bielsa sul filo del rasoio. A tutto questo però va aggiunto l’inasprimento delle norme sulla sicurezza volute dal Questore. Tornelli, vetri di separazione, parcheggi inesistenti e le multe in caso di cambio del posto. Il dato che deve far riflettere è che si sono persi almeno 40 mila tifosi per strada. Recitate un mea culpa. Tutti. Nessuno escluso. Stefano Pioli era riuscito a far rinammorare di nuovo i laziali, il terzo posto è stato il regalo più grande. Poi di nuovo l’allontanamento. E intanto, occhio alla notizia di mercato: CONTINUA A LEGGERE

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy