Lazio nuoto, squadra bella a metà

Lazio nuoto, squadra bella a metà

Biancocelesti sconfitti 13-9 dal Savona al Foro. Sempre a rincorrere ma in gara fino alla fine del terzo quarto poi l’allungo decisivo degli ospiti, il decimo posto si allontana. Formiconi: “Volevamo vincere, adesso sotto con il derby”.

lazio

ROMAIl Savona passa nella piscina della capitale e batte 13 a 9 la Lazio Nuoto nella gara della 24^ giornata di A1 di pallanuoto. Vittoria meritata per i liguri, sempre avanti, ma dal punteggio forse troppo rotondo per quello che si è visto in vasca con i biancocelesti capaci di tenere testa agli ospiti per quasi tre tempi, nonostante l’assenza di Charuto (insieme agli altri nazionali brasiliani del campionato chiamato dal ct in piena regular season, per una serie di impegni in vista delle Olimpiadi) e qualche distrazione di troppo. Lazio dal grande carattere, capace per ben due volte di rientrare in partita, sotto di tre gol, fino all’allungo decisivo dei ragazzi di Angelini che hanno sfruttato il calo nel finale dei padroni di casa. Una sconfitta che pesa in classifica nella rincorsa al decimo posto, quello migliore in vista dei play out, occupato dal Vis Nova che battendo il Sori si porta a 5 punti di vantaggio a due giornate dal termine della regular season. Sabato prossimo però l’atteso derby che potrebbe rimescolare le carte.

 

CRONACA- Lunga fase di studio in avvio fino al gol di Lorenzo Bianco che rompe l’equilibrio, un minuto dopo la risposta di Giorgi con la Lazio che gioca bene con l’uomo in più. Pesenti regala il 2 a 1 con cui il Savona chiude avanti il primo quarto. Nel secondo gol e spettacolo, Sadovyy al centro scatena la sua forza e Formiconi lo limita utilizzando il doppio centro. Maddaluno accorcia (2-3), con Di Rocco e Lapenna (2), che rispondono a Bianco e Agostini, la Lazio trova il pari fino il gol di un Alesiani in grande spolvero che permette ai suoi di chiudere avanti all’intervallo lungo (5-6). Stessa storia nei seguenti 8’, con il solito Alesiani che consente al Savona di portarsi in vantaggio, chiudendo di fatto la gara con la doppietta negli ultimi 30” del parziale. Con un colpo di coda i biancocelesti provano l’assalto finale, fino al meno uno, ma Sadovyy e Mistrangelo non perdonano e rendono più pesante il passivo.

 

VOCI- Al termine del confronto l’analisi di Pierluigi Formiconi: “Volevo vincerla questa partita, è stata una buona prestazione, senza il brasiliano eravamo corti, i miei ragazzi hanno fatto tanto, purtroppo ci ha penalizzato un rigore non dato sul finale del terzo tempo sul cui contropiede abbiamo preso gol ed espulsione, era il momento decisivo, poi loro sono andati avanti e noi non siamo più riusciti a finalizzare, anzi abbiamo commesso le solite disattenzioni. Non è un risultato giusto perché 4 gol non ci sono, comunque il Savona è sempre il Savona. Ora dobbiamo cercare di vincere due partite per provare a superare il Vis Nova, ce la metteremo tutta”.

 

Appuntamento sabato prossimo alle 14.30 per la stracittadina.

 

S.S. LAZIO NUOTO-CARISA R.N. SAVONA 9-13

S.S. LAZIO NUOTO: Radic Z. , Ferrante M. , Colosimo F. , De Vena W. , Narciso , Di Rocco L. 2, Giorgi D. 1, Cannella G. 2 (1 rig.), Leporale M. 1, Lapenna F. 2 (1 rig.), Maddaluno R. 1, Mele A. , Vespa L. . All.

CARISA R.N. SAVONA: Antona S. , Alesiani J. 3, Pesenti M. 1, Colombo J. 1, Bianco L. 2, Cesini D. , Mistrangelo F. 1, Milakovic K. 1, Bianco G. , Agostini A. 1, Piombo , Sadovyy O. 3, Missiroli J. . All.

Arbitri: Collantoni e Gomez

Note :

Parziali: 1-2, 4-4, 2-3, 2-4. Usciti per limite di falli Cannella e Leporale (L) nel quarto tempo. Superiorità numeriche. Lazio 5/11 + due rigori, Savona 7/9 + un rigore fallito (parato) da Milakovic nel quarto tempo. Spettatori 400 circa.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy