PARLA PIOLI: “Vogliamo arrivare in fondo, meritavamo di più”

PARLA PIOLI: “Vogliamo arrivare in fondo, meritavamo di più”

Le parole del mister al termine del match

ROMA – Al termine del match contro il Galatasaray, Stefano Pioli parla ai microfoni di SkySport. Ecco le sue parole: “L’1-1 è un buon risultato, ma poteva e doveva essere diverso, abbiamo avuto le occasioni per colpire il Galatasaray e fargli male, per la prestazione della squadra meritavamo qualcosa di più”. Un primo tempo di personalità, poi il calo evidente nella ripresa: “Conosco il valore dei miei giocatori, mi aspettavo questa prova. Sapevamo che il Galatasaray proponeva molto in attacco, ma concedeva qualcosa in difesa, siamo partiti meglio noi, ma nel gol subito abbiamo commesso un errore. Abbiamo provato a vincere fino alla fine, questa è la strada giusta”. Un bel passo verso il passaggio del turno, ma Pioli resta guardingo: “La qualificazione è ancora aperta, l’avversario è di buon valore. E’ stata una partita di grandissimo ritmo, abbiamo avuto tante occasioni nell’area avversaria, con più determinazione e attenzione avremmo potuto portare a casa la gara. Avevo chiesto ai miei ragazzi di fare la partita, di dettare le regole del gioco, i ragazzi lo hanno fatto. Le idee ci sono così come le qualità, abbiamo superato momenti difficili ora giochiamo su un buon livello. Su questo campo non era facile, ma mi è piaciuto molto l’atteggiamento della squadra”. L’Europa League potrebbe diventare l’obiettivo principe a questo punto: “In campionato siamo in ritardo, ma possiamo recuperare posizioni, dobbiamo fare una ricorsa eccezionale per rientrare tra le prime cinque, le squadre che ci sono davanti sono tutte grandi squadre. Ci dobbiamo credere fino alla fine. La Lazio ha le qualità per vincere tutte le partite. Quest’estate speravamo in un’altra Europa, siamo qui e vogliamo arrivare più avanti possibile”. In finale non sarebbe male.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy