PREMIO ETICA / – Klose, parole d’addio: “Felice di aver fatto la storia della Lazio”. Montezemolo svela: “Lazio nel destino”. Il coro degli alunni: “Comprala!” – FOTO

PREMIO ETICA / – Klose, parole d’addio: “Felice di aver fatto la storia della Lazio”. Montezemolo svela: “Lazio nel destino”. Il coro degli alunni: “Comprala!” – FOTO

Zero gol in questo campionato, eppure ancora tantissimi premi alla carriera. Miro fa ancora notizia, oggi pomeriggio in giacca e cravatta accanto all’imprenditore

ROMA – Trentotto anni e non sentirli, alla Piola. Eppure le parole di Klose sanno d’addio anticipato alla Lazio di qualche mese: “Spero di avere la salute per giocare altri due anni. Intanto concluderò il mio quinto anno qui, sono orgoglioso di aver fatto parte della storia di questa città e di questa società”. Zero gol in questo campionato, eppure ancora tantissimi premi alla carriera. Miro ora vince quello Etica dello Sport all’università di Tor Vergata: “E’ un onore, voglio essere un esempio per i giovani. Il mio messaggio per loro è che devono sempre credere in se stessi. Io sono stato fortunato ad essere un calciatore, ho anche guadagnato molto. Ma sono sempre stato un professionista, perché i miei erano sportivi e mi hanno insegnato ad esserlo”. Aveva già vinto un premio fair play: “A Napoli dissi che avevo preso la palla con la mano perché era giusto così. Se posso, aiuto molto volentieri gli arbitri…”.

PREMIO

LO SPOGLIATOIO – Ovazione al suo arrivo a Roma Sud fra gli studenti dell’ateneo: “Ce l’abbiamo solo noi, Miro Klose gol!”, il coro intonato. Seppure stonato di questi tempi, con un solo centro stagionale (in Europa League) del panzer campione del mondo. Lucido come non mai: “La Lazio vincerà in Europa League? Bella domanda (ride, ndr), non lo so. Abbiamo la qualità, ma dobbiamo farle vedere sul campo”. Un bambino sulla “Coppa in faccia ai romanisti”: “Sei stato contento? Se sei stato contento tu, lo ero pure io”. Il messaggio finale: “Sono contentissimo di aver scelto la Lazio e sono contento dei miei compagni. Ogni tanto non siamo una squadra e ognuno fa la sua parte”. Fra le righe le ruggini d’un gruppo talvolta diviso.

LA CONFESSIONE – Premiato anche l’imprenditore Montezemolo, che svela anche la sua storia: “Vedo molto laziali in aula. Quando arrivai a Roma, mi appassionai alla Lazio. Quando ebbi un grave incidente, fui operato da una persona straordinaria che era Ziaco. Vissi gli anni straordinari della famiglia Maestrelli. Spero che sia un premio che porti fortuna alla Ferrari, è alla vigilia di una stagione molto importante. Mi fa piacere di riceverlo con un campione come Klose che è anche una bellissima persona”. I tifosi gli urlano: “Comprati, la Lazio”. Al Thani, Montezemolo, chiunque presidente biancoceleste… Basta che non sia più quello attuale: “Libera la Lazio… Vendila”, le urla a Lotito, comparso a sorpresa nel finale. Triste finale.

MONTEZEM

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy