Di Marzio: “La Lazio tentò il colpo grosso. Retroscena: per Emery ci provarono anche in biancocelesti”

Di Marzio: “La Lazio tentò il colpo grosso. Retroscena: per Emery ci provarono anche in biancocelesti”

L’uomo del momento. Due parole, Unai Emery. L’Europa League vinta col Siviglia, il mondo che si accorge di lui e delle toppe rosse sui gomiti della giacca. Un personaggio, dotato di grande senso tattico. Dal Valencia ai lusitani, ha deliziato per capacità tecniche e caratteriali. L’Italia, ovviamente, non poteva mancare…

L’uomo del momento. Due parole, Unai Emery. L’Europa League vinta col Siviglia, il mondo che si accorge di lui e delle toppe rosse sui gomiti della giacca. Un personaggio, dotato di grande senso tattico. Dal Valencia ai lusitani, ha deliziato per capacità tecniche e caratteriali. L’Italia, ovviamente, non poteva mancare all’appello. Adesso Emery è in pole per la panchina del Milan, ma anche la Lazio ha tentato il grande colpo: due giorni prima della finale di Europa League, contatti intensi ma operazione che non è stata chiusa.

 

Poi, testa solamente alla partita. Benfica ko ai rigori, e via alle idee per il futuro. Il giorno dopo la finale, i primi approcci col Milan. E il rinnovo non ancora firmato col Siviglia. Adesso Emery è in Malesia, storia di una tournée da rispettare. E’ un uomo di parola, Unai. Anche per questo, non vuole tenere in scacco il Siviglia e aspetta la risposta del Milan entro lunedì, martedì al massimo. Altrimenti sarà rinnovo. Per quanto riguarda Seedorf, intanto, il club rossonero sta valutando la strada dell’esonero, aspettando poi una chiamata per l’olandese e dunque la liberazione da contratto. Riflettendo su Emery, l’uomo del momento che stupì anche la Lazio.

Fonte: gianlucadimarzio.com

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy