Scandalo Allardyce, l’ex ct: “Mai costretto Morrison a firmare con nessuno”

Scandalo Allardyce, l’ex ct: “Mai costretto Morrison a firmare con nessuno”

L’inglese è accusato, tra le altre cose, di aver costretto il centrocampista biancoceleste a scegliere Curtis come agente..

ROMA- Non accenna a placarsi la tempesta intorno all’ormai ex ct della Nazionale inglese Sam Allardyce e anzi, ogni giorno si arricchisce di nuovi dettagli. Secondo il noto quotidiano britannico Daily Telegraph l’allenatore avrebbe dispensato consigli a sconosciuti su come raggirare le regole che dal 2008 vietano di avere terze proprietà. Nuove indiscrezioni riportate dal quotidiano svelano di come nello scandalo sia implicato anche il centrocampista della Lazio Ravel Morrison. Secondo il tablod Morrison, che nel 2013 voleva un aumento di stipendio venne convocato ad una riunione dove erano presenti Allardyce e un agente di nome Curtis. Gli fu promesso che, in caso avesse affidato la sua procura al signor Curtis gli sarebbe stato considerevolmente aumentato lo stipendio. Morrison rifiutò e allora fu messo prima fuori rosa e pi ceduto in prestito al QPR. “Non c’è nulla di vero nel fatto che mi sono seduto con Ravel Morrison e ho cercato di costringerlo a firmare qualsiasi cosa con qualsiasi agente” è la secca smentita di Allardyce, a cui è seguita anche quella del signor Curtis. Si aspetta una dichiarazione di Morrison che possa permettere di far luce sulla vicenda, nel frattempo Allardyce è stato allontanato dalla guida della Nazionale inglese dopo soli 64 giorni di regno e una sola partita all’attivo.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy