Scudetto 1915, il fronte laziale rimane compatto – VOTA

Scudetto 1915, il fronte laziale rimane compatto – VOTA

I laziali compatti e anche da alcuni simpatizzanti del Genoa parere favorevole

ROMA – In una continua, graduale ed emozionante escalation, difatti, alla rivendicazione dello “Scudetto Negato” ha fatto seguito il lancio della Petizione “Lazio 1914/15, Campione d’Italia ex aequo!”. Alle tante iniziative promozionali – riporta laziostory.it-  realizzate in itinere sono susseguite le 30000 firme necessarie per l’apertura del procedimento di riesame presso la Figc. Il deposito agli atti federali dei nostri dossiers giuridico/emerotecari ha fatto da preludio alla nomina della Commissione di Saggi. L’acquisizione del relativo parere ha chiarito una volta per tutte come l’unico rimedio per sanare un’ingiustizia centenaria perpetratasi ai danni della Lazio sia solo quello di assegnare il tricolore 1914/15 anche alla prima squadra della Capitale, che come abbiamo ampiamente documentato in quella stagione vinse il campionato centro-meridionale e fu l’unica squadra a qualicarsi con certezza alla finalissima nazionale.

Ora affinché il nostro sogno diventi realtà manca un ultimissimo passaggio… Il Consiglio Federale dovrà ratificare le conclusioni espresse nella relazione della Commissione Straordinaria della Figc! Sembrerebbe un passaggio scontato, ma non sarà così semplice. Non perché le nostre richieste non siano fondate, anzi tutt’altro. Ma proprio perché lo sono inconfutabilmente, siamo e saremo nostro malgrado costretti ad assistere a beceri tentativi volti a mistificare la realtà dei fatti. Ora attribuendo la paternità della rivendicazione alla societá, con il subdolo fine di evocare un insussistente conflitto di interessi del presidente Claudio Lotito. Ora invocando presunte ragioni giuridico/sportive di altri clubs (Torino, Inter e Napoli), in realtá inesistenti o perché stroncate da ricorsi giá proposti e rigettati a suo tempo (Torino ed Inter), o perché pretestuosamente poggiate su diritti mai conseguiti sul campo e/o comunque arbitrariamente attribuiti a società che semplicemente non esistono più (le squadre napoletane).

Frattanto il fronte Genoa si sta spaccando in un frastagliato “composé” di posizioni tra loro inconcilianti. Il cantautore Francesco Baccini in tutta onestà ha ammesso: “In base alle carte l’ex aequo é giusto!”. Una parte degli ultras genoani sono insorti: “No, difendiamo il nostro settimo sigillo!”. Il tecnico rossoblu Juric, sollecitato in conferenza stampa, ha candidamente esternato: “Per noi non é una questione così importante!” (se vale ancora il brocardo latino “Dividi et Impera”, la domanda non era poi così peregrina perché ha palesato qual é l’orientamento dei grifoni). Simone Inzaghi invece, in una battuta, oggi ha ampiamente fatto capire da che parte sta. Inequivocabile il suo commento: “Ieri abbiamo vinto lo spareggio del 1915!“. Bene, bene così. Unione e compattezza aumentano esponenzialmente le chances di trasformare i nostri sogni in realtà. Per i nostri eroi caduti per la Patria, per la gloriosa storia della prima squadra della capitale, per tutti quelli che si stanno spendendo affinché trionfino giustizia e verità… LAZIO 1914/15, CAMPIONE D’ITALIA EX AEQUO!!! FIRMA LA PETIZIONE

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy