10mila tedeschi all’Olimpico

10mila tedeschi all’Olimpico

Mille tifosi tedeschi sulle gradinate dell’Olimpico per ogni giocatore borussiano in campo. A tre giorni dalla partita di ritorno con la Lazio nella Capitale, la massa del tifo biancoverde al seguito della squadra si annuncia impressionante. Sul sito ufficiale della società di Moenchengladbach ieri si poteva leggere che erano già…

Mille tifosi tedeschi sulle gradinate dell’Olimpico per ogni giocatore borussiano in campo. A tre giorni dalla partita di ritorno con la Lazio nella Capitale, la massa del tifo biancoverde al seguito della squadra si annuncia impressionante. Sul sito ufficiale della società di Moenchengladbach ieri si poteva leggere che erano già diecimila le partenze previste per Roma:  «Mai in passato sono stati così numerosi i tifosi al seguito del Borussia fuori casa in una partita europea». E’ il nuovo record che viene ufficialmente certificato sul sito. Tra oggi e domani, con tutta probabilità diventeranno ancora di più. In aereo, in treno, in auto, pullman, camper, le comitive con sciarpe e bandieroni biancoverdi cominceranno a sbarcare a Roma già mercoledì.
Molti approfitteranno della sfida europea per trascorrere sulle sponde del Tevere un ponte più lungo del solito. Per la città di Roma sarà la più imponente invasione tedesca dal giorno dell’insediamento di Papa Ratzinger, il 19 aprile di otto anni fa. La zona di Moenchengladbach è prevalentemente cattolica. Si può prevedere che il «ponte capitolino» di molti sostenitori borussiani sia stato studiato per fare anche i pellegrini e non farsi sfuggire l’occasione di assistere domenica prossima in Piazza San Pietro all’ultimo Angelus nel pontificato “teutonico” di Benedetto XVI.
PORTAFOGLI- I costi della gita fuori programma a Roma non sono un problema per il portafoglio dei tedeschi, che in questi tempi di crisi in Europa restano di gran lunga tra i primi come tenore di vita e saranno gli ultimi a dover stringere la cinta. Nei precedenti turni europei di questa stagione, i tifosi borussiani sono stati 2.500 a Kiev, mille a Cipro, 5.000 a Marsiglia e 3.500 a Istanbul dove il Borussia ha sbancato con un secco 3-0 il campo del Fenerbahce.  «I fans del Borussia quest’anno hanno una grande voglia di viaggiare – sottolinea il sito biancoverde –  nessuna distanza è stata così lunga da potere dissuaderli dal seguire la squadra. Anche i 1.445 chilometri che separano il Borussia Park dallo Stadio Olimpico non possono impedire ai tifosi borussiani di sostenere direttamente dagli spalti i loro beniamini». La stessa fonte della società informa che  «l’assalto ai biglietti è stato enorme: i primi 6.000 tagliandi sono stati esauriti nell’arco di appena cinque minuti».
Il capitano belga Filip Daems, tutt’altro che sicuro di giocare per la concorrenza dello svedese Oscar Wendt, ha promesso a nome di tutto lo spogliatoio che la passione del pubblico borussiano sarà premiata:  «Il sostegno dei fans ha dell’incredibile: noi speriamo di poterli ricambiare regalando una vittoria». La squadra ieri ha avuto da Lucien Favre un giorno di libertà. Oggi sono in programma due sedute di allenamento. Ha lavorato a tutto spiano lo staff organizzativo che ha appena archiviato con successo la trasferta di sabato scorso ad Amburgo, dove i tifosi al seguito del Borussia sono stati seimila e, come previsto, non si sono verificati incidenti.
Molto soddisfatto il direttore sportivo Max Eberl:  «Abbiamo dimostrato che possiamo farci vedere in Europa. Questo vale per la compagine di Favre che fuori casa non ha mai perso una partita, ma vale anche per i nostri tifosi che hanno sempre incitato fantasticamente il Borussia». I collaboratori di Eberl ieri hanno reso noto che giovedì la tifoseria borussiana visiterà il centro della Capitale, con una sosta speciale sulla gradinata di Trinità dei Monti. Dalle ore 15 inizierà per il pubblico tedesco un servizio speciale di bus da Viale Washington al Flaminio per lo Stadio Olimpico.

Il Corriere dello Sport

Cittaceleste

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy