Abdellaoue davanti a Olic

Abdellaoue davanti a Olic

Il colpo della Lazio se partono due attaccanti: Mohammed Abdellaoue, 27 anni da compiere a ottobre, mancino dell’Hannover. Costa 8 milioni. Ma Lotito e il ds Tare potrebbero cautelarsi anche con un’operazione last-minute e si tratterebbe di una vera sorpresa. Piste tedesche, attaccanti da cercare in Bundesliga. Gli indizi portavano…

Il colpo della Lazio se partono due attaccanti: Mohammed Abdellaoue, 27 anni da compiere a ottobre, mancino dell’Hannover. Costa 8 milioni. Ma Lotito e il ds Tare potrebbero cautelarsi anche con un’operazione last-minute e si tratterebbe di una vera sorpresa. Piste tedesche, attaccanti da cercare in Bundesliga. Gli indizi portavano a Cacau, brasiliano naturalizzato tedesco dello Stoccarda, scadenza 2013, ma non era la direzione giusta. L’idea, invece, potrebbe essere un nome che Floccari più vicino al Bologna: Lotito aspetta il tesoretto per chiudere con Moa Abdellaoue nel recente passato era già stato accostato alla Lazio. Occhio a Ivica Olic, ex Bayern Monaco, amico di Klose, attaccante croato abile a muoversi in profondità, capace di giocare prima o seconda punta, volendo esterno offensivo da 4-2-3-1. Era stato vicino alla Lazio a gennaio e pure a giugno, quando era scaduto il suo contratto con il Bayern Monaco, ma Lotito e il ds Tare lasciarono cadere l’opzione: in quel momento puntavano su Yilmaz. Olic ha scelto il Wolfsburg, contratto biennale (2014), ma il suo carattere forte e la voglia di Felix Magath di cambiare ancora in attacco potrebbe portarlo a lasciare la Bundesliga sul filo del 31 agosto. Olic compirà 33 anni il 14 settembre, è un giocatore integro e di caratura internazionale. Magath ieri parlava di Borriello, stanno cercando un altro centravanti e chissà che non si realizzi la sorpresa. Il croato ha giocato titolare alla prima giornata in Bundesliga contro lo Stoccarda e ha realizzato una tripletta il 18 agosto in Coppa di Germania. Altro indizio: Olic appartiene alla scuderia degli stessi procuratori di Aogo e Rajkovic, altri nomi accostati alla Lazio nelle scorse settimane. Nei piani di Petkovic, considerando Lulic e la conferma di Zarate, potrebbe servire un’altra punta da 4-3-3. Il croato risponderebbe all’identikit. 

TESORETTO –  Oggi Olic è da considerare un’opzione, un’idea last minute e non ancora un obiettivo da attribuire ai dirigenti biancocelesti, che in passato di sicuro lo hanno trattato. Mohammed Abdellaoue è la prima scelta della Lazio, piace moltissimo Possibile sorpresa last minute: Olic  potrebbe lasciare il Wolfsburg, dove era andato a luglio al ds Tare, che lo seguiva da tempo e pensa possa essere accostato, come caratteristiche fisiche e tecniche, al turco Burak Yilmaz. Moa è un attaccante mancino, nato a Oslo, di passaporto norvegese e origine marocchine. Ha classe, velocità, buona tecnica e senso del gol innato. In Bundelisga ne ha realizzati 21 in 54 partite. In Norvegia giocava con il Valerenga ed è stato eletto per due anni di fila calciatore dell’anno. Costa 8 milioni, la Lazio ne avrebbe offerti 7. Lotito sta cercando di ricavare il tesoretto dalle uscite per alzare l’offerta e chiudere l’operazione. Sta andando avanti la trattativa con il Bologna per Floccari: cessione per 4,7 milioni di euro, prestito oneroso con impegno di riscatto. Manca ancora l’accordo economico tra il club rossoblù e il centravanti calabrese, che sarebbe contento anche di continuare alla Lazio. Oggi per Petkovic è la prima scelta dietro a Klose.

ROCCHI –  Si muove il mercato anche intorno agli altri attaccanti. E’ un domino, sono tutti collegati. L’entrata eventuale dipende dalle cessioni. Per Zarate (a ieri sera) non si registravano movimenti importanti. C’è stato l’incontro tra Damiani e la Lazio: qualora arrivassero offerte, Rocchi non si deve considerare incedibile. L’interesse dell’Udinese si è smorato, ieri è spuntata l’ipotesi dell’Inter e potrebbe interessarsi la Fiorentina. Il capitano, però, vuole restare alla Lazio. Il club viola cerca un difensore centrale e ha sondato per Modibo Diakitè, in scadenza 2013, ma non ci sono margini di manovra. Per due motivi: il giocatore non intende muoversi e neppure la società è disposta a cederlo. Petkovic intende recuperarlo e più avanti si capirà se esistono margini per portarlo al rinnovo. Kozak spinge per andare a giocare, c’è la fila per prenderlo, ma la Lazio vorrebbe trattenerlo. Poche ore e sapremo.

Fonte: CdS

Simone Davide-Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy