“Aiutateci a battere la Juve”

“Aiutateci a battere la Juve”

«Dobbiamo guardare avanti». È Stefano Mauri il primoa tirare fuori la parola d’ordine della Lazio, dopo la sconfitta in casa con il Chievo: tutti delusi, ma martedì all’Olimpico viene la Juventus, in palio c’è una finale di Coppa Italia, forse uno storico, inedito derby con la Roma, per cui l’amarezza…

«Dobbiamo guardare avanti». È Stefano Mauri il primoa tirare fuori la parola d’ordine della Lazio, dopo la sconfitta in casa con il Chievo: tutti  delusi, ma martedì all’Olimpico viene la Juventus, in palio c’è una finale di Coppa Italia, forse uno storico, inedito derby con la Roma, per cui l’amarezza per quel gol di Paloschi  potrebbe passare molto presto. «Oggi (ieri, ndr) non era  facile, abbiamo creato buone
occasioni da gol — spiega il centrocampista, subentrato a Brocchi nel secondo tempo proprio per presentarsi al meglio alla gara coi bianconeri —, ma poi loro in contropiede  si sono fatti pericolosi facendo
una bella partita. Dobbiamo guardare avanti. Abbiamo giocato abbastanza bene, forse dovevamo essere più veloci  nel girare la palla. Quando le squadre si difendono così dobbiamo essere più veloci e fare
più movimento senza palla in profondità».

Appello ai tifosi A fine gara si è  sentito anche qualche fischio, nonostante l’eccellente stagione  dei ragazzi di Petkovic. «È normale che ci sia delusione — continua Mauri —. Loro vorrebbero sempre vederci
vinceremanon è assolutamente facile. Martedì avremo bisogno di loro perché hanno dimostrato di essere l’uomo in più, e potranno darci una grande mano per arrivare in finale. Finora ci sono sempre stati vicini e i risultati si sono visti: in casa abbiamo fatto tanti punti ».

Spazi chiusi Deluso Senad Lulic, confermato nell’undici titolare dopo la buona prestazione di Palermo. Ma il bosniaco  ci tiene a smontare la principale accusa che viene mossa alla squadra, di aver preso sottogamba la partita, pensando già alla semifinale di Coppa  Italia. «Il problema è che non siamo riusciti a trovare il gol, non che avevamo già la testa a Lazio-Juventus. Se avessimo vinto, nessuno avrebbe parlato della formazione. Noi pensiamo  partita dopo partita. Lenostre prestazioni di gennaio sono meno brillanti? Non è successo niente, una grande squadre non deve sempre giocare a mille. Non era facile   giocare contro il Chievo, non si trovavano spazi. È stata una serata negativa. Dobbiamo giocare  con più pazienza e far girare più palla, stavolta non lo abbiamo fatto. Io sto bene, mi impegno sempre e cerco di dare il cento per cento, ma ci sono  partite che vanno bene e altre meno. Martedì servirà un’altra Lazio per passare il turno».

Ecco la Juve Certo pure la Juve  ha frenato ieri contro il Genoa, prendendosi però un punto e allungando ancora. Comunque martedì la sfida di  Coppa Italia è del genere dentro o fuori: il campionato non
c’entra, ma la serata varrà tantissimo.

La Gazzetta dello Sport

Cittaceleste

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy