All’Olimpico vinti tutti i big match

All’Olimpico vinti tutti i big match

Sicuri di aver tutta questa fretta di lasciare il 2012? Fate due conti e pensate: una Lazio così, all’Olimpico, è da applausi. Non tradisce, ferisce. Non si accontenta, rilancia. È semplicemente perfetta. O da Champions, se più vi piace. Il freddo di Bologna sembra lontano: sabato sera contro l’Inter farà…

Sicuri di aver tutta questa fretta di lasciare il 2012? Fate due conti e pensate: una Lazio così, all’Olimpico, è da applausi. Non tradisce, ferisce. Non si accontenta, rilancia. È semplicemente perfetta. O da Champions, se più vi piace. Il freddo di Bologna sembra lontano: sabato sera contro l’Inter farà caldo, caldissimo.

La striscia
Affidatevi ai numeri: la Lazio partite così si è abituata a vincerle. La Champions degli altri non passa dall’Olimpico, questo ormai è chiaro. Nell’anno solare 2012 Ledesma e compagni hanno vinto all’Olimpico tutti i big match, tutti gli scontri diretti con le squadre potenzialmente in corsa per il terzo posto. Sette vittorie sette tra il campionato scorso e l’attuale: avversari il Milan, la Roma, il Napoli, l’Inter e l’Udinese. Nel conto ci sarebbe anche la Fiorentina, che però lo scorso febbraio — 1-0, gol di Klose — non era certo in posizione di classifica ambiziosa. Diciannove gol segnati, sette subiti e una tendenza ormai consolidata: da Reja a Petkovic la sostanza non cambia, i giocatori non soffrono più il tabù delle grandi partite. E una conferma in questa stagione c’è già stata con le vittorie contro Milan e Roma.

Viva l’Olimpico
Che poi la conferma è l’andamento complessivo casalingo della Lazio. Il problema è fuori casa, la prestazione di Bologna ha reso tutto ancor più visibile. Sarà che quel concetto ripetuto all’infinito da Petkovic, quel «dobbiamo dominare gli avversari», forse all’Olimpico riesce meglio. Il ruolino in casa è di alto livello: 19 punti in 8 partite, una sola sconfitta, terzo bottino dietro solo a Napoli e Fiorentina e al pari della Juventus. L’Inter è avvisata, i tifosi già si scaldano. Il dato dei biglietti venduti, a ieri sera, era di 17.500 tagliandi, da sommare ai 13 mila abbonati (non vanno conteggiate le tessere Cucciolone).

Oggi la ripresa
All’Olimpico sabato sera ci saranno oltre 40 mila spettatori, per dare la caccia a un altro successo da Champions. È quello che chiede anche Petkovic, che non ha digerito la prestazione di Bologna e oggi a Formello comincerà a preparare la sfida di sabato. Farà la conta, verificherà le condizioni di Konko e Floccari e poi capirà se proseguire sulla strada del 4-5-1 o abbracciare l’idea del 3-4-3. Il 2012 va chiuso bene. Stramaccioni ha già capito cosa vuol dire l’Olimpico laziale: era il 13 maggio, ultima di campionato, la qualificazione in Champions quella sera era un miraggio per tutte e due. Ora è un obiettivo.

La Gazzetta dello Sport

Cittaceleste

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy