STORIE – Candreva e quel gol di Bologna…

STORIE – Candreva e quel gol di Bologna…

Lo esalta il ricordo del passato, lo spinge l’importanza del presente. Stasera a Bologna Antonio Candreva avrà tanti motivi per guadagnarsi di nuovo la copertina della Lazio. La ha avuta costantemente nel corso di questa che a tutti gli effetti sta diventando per lui la stagione della consacrazione. Nelle ultime…

Lo esalta il ricordo del passato, lo spinge l’importanza del presente. Stasera a Bologna Antonio Candreva avrà tanti motivi per guadagnarsi di nuovo la copertina della Lazio. La ha avuta costantemente nel corso di questa che a tutti gli effetti sta diventando per lui la stagione della consacrazione. Nelle ultime partite, tuttavia, Candreva è rientrato in parte nei ranghi. Un po’ perché alle sue prestazioni sopra le righe ci si è fatta l’abitudine, un po’ perché ultimamente non ha segnato dopo averlo fatto per tre volte ad intervalli regolari nei primi mesi.

Di nuovo Bologna – L’ultimo gol è stato quello più bello e più atteso: la rete segnata nel derby di un mese fa che ha dato al via alla rimonta sulla Roma. In precedenza l’esterno biancoceleste aveva segnato anche contro il Palermo e poi di nuovo al Milan. Tutte reti straordinarie, tutte segnate all’Olimpico. Manca dunque l’acuto lontano da Roma e quella di stasera a Bologna può essere l’occasione giusta per sbloccarsi in trasferta. Anche perché già una volta al Dallara Candreva ha avuto modo di rompere il ghiaccio. Nello stadio bolognese ha infatti realizzato la sua prima rete in Serie A. Era il 21 febbraio 2010, all’epoca il romano giocava con la Juve e segnò una delle due reti che consentirono ai bianconeri di superare il Bologna. Nel ricordo di quella prodezza Candreva cercherà di realizzarne un’altra oggi con la maglia della Lazio.



Punto fermo – Petkovic torna a schierarlo titolare dopo il turno di riposo concessogli a Maribor in Europa League. Normale turn over per un giocatore che, tra l’altro, è stato finora tra quelli maggiormente utilizzati dal tecnico. Sarà così anche in futuro perché Candreva e e resterà un punto fermo di questa Lazio. Anche se l’allenatore – come sembra – in tempi brevi dovesse virare verso quel 3-4-3 brillantemente testato in Coppa. Col nuovo modulo Candreva diventerebbe uno dei due attaccanti esterni, mansioni che in parte svolge già con l’attuale 4-5-1. Un ruolo, quello di attaccante esterno, che Candreva ha anche ricoperto nell’ultima partita giocata con la Nazionale. Un ruolo che potrebbe consentirgli di ipotecare ancor di più il futuro. Ma intanto c’è un presente da onorare. Stasera a Bologna.

Il Corriere dello Sport

Cittaceleste

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy