Cavanda dice no. Fuori rosa

Cavanda dice no. Fuori rosa

Ha ridetto no, è finito fuori rosa. No è la risposta di Cavanda a Lotito, sempre la stessa. L’offerta di rinnovo contrattuale ripresentata dalla Lazio è stata nuovamente respinta dall’esterno belga, è successo ieri mattina. Quel no può aver messo la parola fine alla trattativa e alla storia biancoceleste del…

Ha ridetto no, è finito fuori rosa.  No è la risposta di Cavanda a Lotito, sempre la stessa. L’offerta di rinnovo contrattuale ripresentata dalla Lazio è stata nuovamente respinta dall’esterno belga, è successo ieri mattina. Quel no può aver messo la parola fine alla trattativa e alla storia biancoceleste del giocatore. Cavanda non è stato convocato per il match col Napoli, non sembra una casualità. Il difensore rischia di essere escluso definitivamente dall’organico, in tal caso inizierebbe ad allenarsi a parte con Diakitè, Zarate, Foggia, i giovani Barreto e Di Mario.
Cavanda non figura
Il giocatore non accetta la proposta per il rinnovo e la trattativa si è interrotta Non è stato convocato ieri starà fuori pure in Europatra gli infortunati, giovedì scorso il nuovo incontro tra Lotito e Ulisse Savini, il procuratore del belga. La fumata è stata nera e nel giro di poche ore il giocatore ha comunicato alla società la sua decisione: ieri mattina non è stato inserito nei convocati. Il nodo è economico, c’è un’ampia distanza tra le parti. La Lazio avrebbe offerto a Cavanda 170-180 mila euro netti di ingaggio, l’esterno ne avrebbe chiesti 350 mila a stagione. Ha un contratto sino al 2014, è più lontano dalla Lazio, potrebbe restare fuori anche giovedì in Europa e in generale fino al termine della stagione. Le prossime ore chiariranno le intenzioni del club.
IL RIPIEGO – L’assenza di Cavanda costringerebbe Petkovic a puntare nuovamente su Konko contro il Borussia, il francese dovrebbe fare gli straordinari. In alternativa c’è Pereirinha, il jolly portoghese acquistato a gennaio, a destra può fare il cursore e la mezzala (è stato scelto anche considerando il possibile divorzio col belga). Cavanda ha detto no come Diakitè: la Lazio ha proposto al francese la risoluzione anticipata, il difensore ci sta pensando.

ZARATE – Caso Zarate. Il mercato ucraino chiuderà a fine mese, ma l’interesse della Dinamo Kiev si è raffreddato, ora starebbe pensando a Ricky van Wolfswinkel, l’attaccante dello Sporting Lisbona. La Dinamo avrebbe offerto 11 milioni di euro più i cartellini di Milevskiy e Ruben. La società di Kiev s’era lanciata su Zarate a gennaio, le richieste del giocatore (relative ad una clausola di rescissione da fissare ad un prezzo inferiore al valore d’acquisto) hanno complicato l’operazione tra i club. Il manager rimpalla le responsabilità a Lotito e tramite alcuni siti di mercato fa trapelare ancora ottimismo sulla riuscita dell’affare.

EDERSON – Infermeria. Ederson venerdì s’è allenato in gruppo per la prima volta, deve recuperare la forma fisica. Non sarà convocato per il match di Europa League, potrebbe andare in panchina a Siena (si giocherà lunedì 18 febbraio). E’ fermo Klose per via della lesione del legamento collaterale esterno del ginocchio destro: l’immobilizzazione complessiva richiederà quattro settimane. Entro un mese si conosceranno con esattezza i tempi di recupero. Infortuni di questo tipo necessitano di almeno 7-8 settimane di stop, la società spera in un rientro più breve. Servono sei settimane per sapere quando potrà rientrare Brocchi. Vuole provare a tornare nel finale di stagione, sogna di alzare al cielo la Coppa Italia. Per Stankevicius sospetto stiramento ad un polpaccio.

Il Corriere dello Sport

Cittaceleste

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy