Cavanda resta fuori

Cavanda resta fuori

 Se serve va preso in considerazione, filtrava questa linea martedì da Formello. Luis Cavanda non è stato preso in considerazione ieri pomeriggio, ha continuato ad allenarsi con i fuori rosa. L’evoluzione della vicenda si valuterà nei prossimi giorni. Certo, il segnale appare chiaro, ma vogliamo sperare che la posizione fatta…

 Se serve va preso in considerazione, filtrava questa linea martedì da Formello. Luis Cavanda non è stato preso in considerazione ieri pomeriggio, ha continuato ad allenarsi con i fuori rosa. L’evoluzione della vicenda si valuterà nei prossimi giorni. Certo, il segnale appare chiaro, ma vogliamo sperare che la posizione fatta trapelare dalla Lazio non sia stata solo pro
La società martedì aveva fatto trapelare una piccola apertura La posizione è attesa alla prova dei fattiforma. La volontà di Petkovic, alla luce degli impegni multipli, potrebbe rivelarsi determinante. L’allenatore vuole Cavanda, questo appare certo. Il tecnico, lunedì sera, non aveva chiuso il capitolo:  «Valuteremo, vedremo…» , disse. La società, senza rinunciare alla sua filosofia, potrebbe andare incontro alle esigenze dell’allenatore. L’utilità di Cavanda esiste, il belga può servire in campionato e in Europa (è in lista Uefa), è una considerazione numerica (se non vogliamo definirla tecnica…) innegabile. Konko rimarrà fuori almeno sei settimane, Stankevicius, infortunato storico, è inutilizzabile. A destra è rimasto solo Pereirinha a meno che non si decida di adattare Lulic (serve come cursore alto a sinistra, Mauri è out) o Biava nel ruolo di terzino. E’ stato ipotizzato il ricorso alla difesa a tre, è un modulo che di recente non ha dato garanzie.

LO SCENARIO – La Lazio in questi anni non ha concesso sconti, ha assunto una posizione frontista in materia di rinnovi contrattuali. La società non vuole farsi condizionare da un infortunio, nelle ultime tre stagioni ha ottenuto risultati sposando la linea dura. E’ pur vero che Petkovic, dopo aver perso
Il tecnico è a corto di soluzioni a destra Se lo riterrà giusto dovrà essere libero di convocare il belgaBrocchi, Klose, Mauri e Konko, ha dovuto rinunciare anche a Cavanda in breve tempo. E non va dimenticata la cessione di Scaloni. Vlado s’è ritrovato con un esterno in meno, una pedina che nella prima parte della stagione è stata utilizzata 24 volte. E’ una grossa responsabilità estromettere un giocatore così presente.

IL CONFRONTO – Non si possono fare paragoni con il caso Diakitè, il francese ha giocato solo una volta in Coppa Italia. Cavanda era in campo a Tottenham (0-0), nel primo turno della fase a gironi. E’ vero, c’era anche a Napoli (3-0) e a Catania (4-0), ma è stato utilizzato pure contro la Juve, nel ritorno della semifinale di Coppa Italia vinta 2-1. Qui non si tratta di prendere posizione nei confronti del giocatore o della società, non si tratta di stabilire chi ha ragione e chi ha torto. La critica va letta in modo costruttivo: rinnovo o non rinnovo contrattuale è il momento di pensare al campo, alle necessità dell’allenatore. Cavanda è utile anche senza nuovo contratto, l’abbiamo detto e lo ripetiamo. D’altra parte va considerato come un patrimonio del club purché ritenga la Lazio un punto di arrivo. In attesa degli eventi c’è da pensare all’anticipo col Milan, al modo in cui dovrà essere arginato El Shaarawy. Pereirinha resta la prima scelta, è stato acquistato come alternativa sulla destra, da esterno e mezzala. Se la parola chiave è “utilità” giocherà sicuramente…

Il Corriere dello Sport

Cittaceleste

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy