CDS – Caso Zarate, ieri depositate le prove. Testimoni sì o no? Il Collegio decide

CDS – Caso Zarate, ieri depositate le prove. Testimoni sì o no? Il Collegio decide

Memorie difensive consegnate ieri, nel giorno fissato come scadenza. Caso Zarate, si va avanti. I legali del giocatore e della Lazio hanno prodotto le prove utili a suffragare le tesi d’accusa e di difesa, saranno lette dal Collegio arbitrale nei prossimi giorni. Si attendono le decisioni dei tre arbitri, il…

Memorie difensive consegnate ieri, nel giorno fissato come scadenza. Caso Zarate, si va avanti. I legali del giocatore e della Lazio hanno prodotto le prove utili a suffragare le tesi d’accusa e di difesa, saranno lette dal Collegio arbitrale nei prossimi giorni. Si attendono le decisioni dei tre arbitri, il presidente Zaccheo più quelli di parte Tortorella (Zarate) e Auletta (Lazio). Parte la fase istruttoria dell’arbitrato, entro il 30 maggio il Collegio convocherà gli avvocati di Zarate e della Lazio per comunicare la sua decisione: deve stabilire se saranno ammessi i testimoni oppure no. La prima udienza si è svolta martedì scorso, non ha portato alla conciliazione. Il presidente Zaccheo chiese ai legali delle parti di esaminare ogni possibilità che potesse portare ad un accordo senza arrivare al lodo (il regolamento del collegio arbitrale lascia aperta la conciliazione sino al termine ultimo del deposito della sentenza). Ma da quel giorno non si sono registrati contatti. L’arbitrato non andrà oltre metà luglio, così è stato deciso una settimana fa.

LA PREMIER –Zarate ha chiesto la risoluzione del contratto, vorrebbe liberarsi per giocare in Premier League o nella sua Argentina. In Inghilterra, secondo il tabloid Daily Mail, il Sunderland di Paolo Di Canio vorrebbe acquistare Maurito e Diakitè, entrambi a costo zero. I Black Cats progettano un mercato… laziale.

 

Corriere dello Sport
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy