CDS – Cavanda e Zarate non si sono presentati

CDS – Cavanda e Zarate non si sono presentati

Non si sono presentati, erano stati convocati dalla Lazio, il club lo assicura. Cavanda e Zarate assenti ingiustificati nel primo giorno di visite mediche e test fisici. Erano e restano i due casi più scottanti, le loro posizioni ora potrebbero complicarsi. CAVANDA – Luis Cavanda a gennaio aveva rifiutato il…

Non si sono presentati, erano stati convocati dalla Lazio, il club lo assicura. Cavanda e Zarate assenti ingiustificati nel primo giorno di visite mediche e test fisici. Erano e restano i due casi più scottanti, le loro posizioni ora potrebbero complicarsi.

CAVANDA – Luis Cavanda a gennaio aveva rifiutato il rinnovo di contratto ed era finito fuori rosa (decisione del club da sempre etichettata come discutibile). Nei giorni scorsi era stato inserito nell’elenco delle visite di idoneità, dei test fisici e del ritiro di Auronzo. Nel pomeriggio di ieri (ore 17, come da tabella di marcia) la presenza del belga era prevista al centro Isokinetic di Roma, il difensore non si è visto. Nella giornata di oggi sono fissate le sue visite mediche in Paideia (ore 11), si presenterà? La società è infuriata, attenderà le prossime ore, studierà la strategia, potrebbe chiedere provvedimenti punitivi per il giocatore. Cavanda, seppur convocato, sarebbe rimasto sul mercato, non c’è stata nessuna rappacificazione tra le parti. Ma il club, per evitare processi sportivi e grane giudiziarie, aveva deciso di riaggregarlo. Lo staff del giocatore da tempo minaccia di ricorrere all’articolo 17 della Fifa per liberarsi.

ZARATE – Caso Zarate. L’argentino avrebbe ricevuto la convocazione e non l’avrebbe accettata. Vale lo stesso discorso fatto per Cavanda: la società si è messa al riparo da altri ricorsi, ha rispettato le procedure anche perché è in corso l’arbitrato. Zarate si considera libero da vincoli contrattuali, non si capisce come possa farlo. Ha annunciato di aver inoltrato ricorso alla Fifa e di aver ricevuto lo svincolo in attesa del giudizio. Da Fifa, Figc (spetta a lei concedere il transfer) e Lazio non sono arrivate conferme, nessuno è a conoscenza di questo procedimento. Maurito è in Argentina da quasi due mesi.

Corriere dello Sport

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy