CDS – Djordjevic: Fatta la scelta giusta

CDS – Djordjevic: Fatta la scelta giusta

CORRIERE DELLO SPORT S’è presentato alla Lazio con un videomessaggio, ha abbracciato il Nantes. Ora l’ultima missione di Filip Djordjevic, prima dell’addio alla Ligue 1, sarà trascinare i Canarini verso la salvezza. Lotito e il ds Tare hanno definito i dettagli e ottenuto il via libera nei giorni scorsi da…

CORRIERE DELLO SPORT

S’è presentato alla Lazio con un videomessaggio, ha abbracciato il Nantes. Ora l’ultima missione di Filip Djordjevic, prima dell’addio alla Ligue 1, sarà trascinare i Canarini verso la salvezza. Lotito e il ds Tare hanno definito i dettagli e ottenuto il via libera nei giorni scorsi da Waldemar Kita, presidente polacco del Nantes. Il club francese si è ammorbidito. La società biancoceleste aveva definito da tempo l’operazione, due giorni fa è passata agli annunci con il benestare di Kita: era stato stabilito all’inizio di febbraio una sorta di gentleman agreement, non si volevano creare turbative al Nantes, impegnato nella corsa verso la salvezza, con la notizia di un addio ormai scontato. Forti erano state le tensioni dei mesi scorsi tra Kita e i suoi collaboratori con Filip Djordjevic, che nella passata stagione aveva trascinato il Nantes in prima divisione realizzando 20 gol. Il centravanti serbo era in scadenza e aveva respinto la proposta di rinnovo del contratto. Sino al 31 gennaio il club francese aveva provato a cederlo per non perderlo a parametro zero. Si era inserita l’Inter, il Cardiff aveva offerto un milione di euro per portarlo in Premier. Djordjevic voleva la Lazio.

KITA – Ora il serbo cercherà di onorare sino in fondo la fascia di capitano. Intende lasciare un buon ricordo, ha chiarito con i dirigenti alcune incomprensioni del passato, è tornato al gol dimostrando di essere ancora pienamente votato alla causa del Nantes. Così ieri, attraverso i microfoni dell’Equipe, sono rimbalzate dalla Francia le dichiarazioni di Waldemar Kita. Ha speso parole dolci per Djordjevic come non era mai capitato negli ultimi mesi. «Mi congratulo con Filip. Nantes è stata per sei anni e mezzo la sua casa. Abbiamo provato a prolungare il suo contratto, ma un grande club è piombato su di lui, è normale che se ne vada altrove. Il Nantes è stato un buon trampolino di lancio per la sua carriera, so che giocherà con il cuore sino alla fine della stagione perché è un grande professionista». Un segnale distensivo sul finire dell’avventura.

ADDIO – Ieri sono arrivate, attraverso il sito ufficiale del Nantes, altre dichiarazioni di Filip Djordjevic. «Sì, ho preso questa decisione. Ho avuto tante proposte, ci ho riflettuto un po’ e poi ho scelto la Lazio. Si tratta di una nuova tappa nella mia carriera. Spero di aver fatto la scelta giusta». Se ne va dopo quasi sette anni di Nantes. «Certo, sarà difficile. Il Nantes è un club che amo, è la squadra del mio cuore. Sarà dura quest’estate ricominciare ad allenarmi con nuovi compagni di squadra, in una nuova società. Ma questa è la vita di un calciatore». Dal punto di vista mentale e fisico, il Nantes ora si potrà godere il miglior Djordjevic. «Rimango qui fino a fine stagione, farà di tutto affinché possiamo concludere il campionato nella migliore posizione possibile. Mi impegnerò ancora di più per ottenere il massimo dei punti». Ha già cominciato a salutare. «Voglio ringraziare tutti, a partire dai tifosi che mi hanno sostenuto fin dal primo momento in cui sono arrivato. Non ho mai avuto un solo problema con loro. Sarò un sostenitore del Nantes per tutta la vita. Tutto quello che sono riuscito a ottenere nel calcio, lo devo a questo club. Sono arrivato qui molto giovane, all’età di 19 anni. Quello che sono oggi è merito del Nantes. Voglio ringraziare tutti i membri dello staff e tutti coloro che lavorano in questo club. Conserverò bellissimi ricordi di questa società. Un grazie enorme a tutti». L’obiettivo della salvezza non è ancora stato centrato, ma neppure è lontanissimo. Il Nantes ha cinque punti di vantaggio sul Valenciennes, terz’ultimo in classifica e ora dovrà provare a sfruttare un doppio turno casalingo per prendere il largo e mettersi al sicuro. Domani a La Beaujoire si presenterà il Montpellier, mentre sabato 29 (ore 17) i Canarini affronteranno il Bordeaux. Djordjevic, salito a quota 10, ha promesso altri gol per l’addio.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy