CDS – E lunedì sarà emergenza in difesa

CDS – E lunedì sarà emergenza in difesa

Senza difesa contro la Juve, senza gli squalificati Biava, Radu e Lulic e con un Gonzalez acciaccato. Servono imprese alla Lazio, uomini nuovi e un piano d’emergenza. Petkovic lunedì non potrà contare su tre pedine, dovrà ridisegnare la difesa, spera nel recupero dell’uruguaiano. La fascite plantare e una contrattura l’hanno…

Senza difesa contro la Juve, senza gli squalificati Biava, Radu e Lulic e con un Gonzalez acciaccato. Servono imprese alla Lazio, uomini nuovi e un piano d’emergenza. Petkovic lunedì non potrà contare su tre pedine, dovrà ridisegnare la difesa, spera nel recupero dell’uruguaiano. La fascite plantare e una contrattura l’hanno costretto ad accomodarsi in panchina contro il Fenerbahçe, Gonzalez spingeva per giocare, è stato risparmiato per precauzione. La sua presenza sarà fondamentale nel big match contro i bianconeri, a destra non ci sono alternative. Vlado ha i giocatori contati, deve sperare nel rientro del Tata. Gli allarmi suonano sulle fasce, a sinistra s’è creato un buco con la contemporanea assenza di Radu e Lulic. Sulla corsia mancina dovrebbe toccare al redivivo Stankevicius, non gioca titolare da più di un anno, l’ultima traccia risale al 5 febbraio 2012, al match Genoa-Lazio 3-2, si esibì da centrale insieme a Diakitè. Gli infortuni a catena sembrano aver dato tregua al lituano, si adatterebbe a sinistra, è l’ipotesi principale, ha già occupato questo ruolo ai tempi di Reja. Petkovic l’ha fatto entrare nel finale del derby, è stato un piccolo rodaggio, non ha molta autonomia, se sarà chiamato in causa giocherà finché potrà. Gonzalez a destra, Stankevicius a sinistra, Cana e Ciani centrali, la difesa anti-Juve è questa sulla carta.

IL CENTROCAMPO – Vlado ha un motivo per sorridere, lo consola il ritorno di Mauri. Il capitano scalpita, in campionato non parte dal primo minuto dal 9 febbraio scorso, da Lazio-Napoli 1-1. Ha lavorato atleticamente nelle ultime settimane, è pronto per giocare, sarà un’arma da sfruttare nel finale di stagione. Il tecnico pensa al 4-1-4-1, comporrà il centrocampo schierando Ledesma davanti alla difesa, sganciando Candreva, Onazi, Hernanes e Mauri nel quartetto avanzato. Candreva ed Hernanes devono fare gli straordinari, Onazi è l’unica mezzala disponibile, tatticamente non c’è spazio per sbizzarrirsi con la fantasia. Resta da scegliere il centravanti, sarà Miro Klose, ieri è partito dalla panchina. Si terranno pronti Kozak e Floccari oltre Saha. Il bomber calabrese si è rialzato, dopo l’infortunio ha bisogno di giocare per entrare in forma. La difesa è sguarnita, il centrocampo è sotto pressione, il fronte avanzato si sta rimpolpando, è questo il quadro generale della squadra. KONKO – In infermeria restano Konko, Pereirinha e Dias. Il francese ha rallentato il recupero, ha bisogno di altri 10-15 giorni di tempo, nei giorni scorsi avvertiva fastidi al ginocchio infortunato. Il portoghese non sarà rischiato contro la Juve, spera di rientrare nella gara di Udine, è in programma sabato 20 aprile alle 20,45. Pereirinha tornerà prima di Konko, la sua presenza permetterà a Gonzalez di rioccupare il ruolo di mediano. S’avvicina il ritorno di Andrè Dias, vorrebbe farcela per l’anticipo con l’Udinese, le speranze esistono. Dias è reduce da problemi muscolari, s’era rialzato, è ricaduto. Non vuole fermarsi più. C’è bisogno di tutti.

– Il Corriere dello Sport

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy