CDS – Floccari, la marcia in più

CDS – Floccari, la marcia in più

Dieci gol, un bel bottino. Dieci gol e un lavoro prezioso, un aiuto costante, un atteggiamento sempre positivo. Dieci gol stagionali per Floccari, cinque in campionato, quattro in Europa, uno in Coppa Italia. Se la Lazio giocherà la finalissima del 26 maggio è merito di Sergione, ha eliminato lui la…

Dieci gol, un bel bottino. Dieci gol e un lavoro prezioso, un aiuto costante, un atteggiamento sempre positivo. Dieci gol stagionali per Floccari, cinque in campionato, quattro in Europa, uno in Coppa Italia. Se la Lazio giocherà la finalissima del 26 maggio è merito di Sergione, ha eliminato lui la Juve nella semifinale di ritorno: «Ho avuto la fortuna di fare quel gol in semifinale, al minuto 91, è stato un bel regalo. Adesso dobbiamo portare a casa la Coppa, sarebbe bellissimo riuscirci» .

L’EMOZIONE – Floccari sogna di alzare al cielo il trofeo, sarebbe la sua prima volta. E’ partito dai campi impolverati, vuole salire sul podio, sul gradino più alto:«L’ambiente deve essere compatto in vista di questo grande appuntamento. Io, come del resto alcuni compagni, ho iniziato nei dilettanti, non ho mai vinto nulla di importante, faremo di tutto per regalare questa grande soddisfazione ai tifosi, per regalarla a noi stessi. Il derby del 26 sarà un evento storico per Roma. Tutti, però, ci auguriamo che sia una giornata di festa e che la battaglia sia solo sportiva, vissuta solo sul campo. Speriamo sia comunque una giornata serena e tranquilla» . Dieci reti totali per Floccari e non è finita qui, 11 reti per la Lazio nelle ultime tre partite. Il mal di gol è passato, la formula “due punte” è servita:«Giocare vicino a Miro rende tutto più facile, ha qualità importanti, sono note a tutti. Ci dividiamo bene le zone del campo, riusciamo a fare reparto. Al di là dei moduli, comunque, conta l’atteggiamento. Il mister può fare affidamento anche su un altro modulo, questo è positivo, deciderà lui come schierare la squadra» .

LA SVOLTA – Klose più Floccari, una Lazio rivitalizzata, la svolta era necessaria:«Grazie agli ultimi risultati abbiamo ritrovato fiducia ed entusiasmo, è l’aspetto più importante. Abbiamo sempre detto che far bene in campionato è il viatico migliore per arrivare al massimo al derby, alla partita più importante della stagione. C’è stata una grande reazione nelle ultime settimane, l’autostima sta crescendo, l’aspetto mentale sarà decisivo in queste ultime due partite» . Il calo è stato fisiologico secondo Floccari: «Giocando tante partite – ha detto a Lazio Style Radio – è normale che si perdano energie mentali, è normale avere un periodo di flessione, non è stato solo un problema fisico. L’importante è reagire, ritrovare lo spirito giusto, lo hanno percepito anche i tifosi, ci sono stati vicini, ci hanno aiutato a superare il periodo più difficile» . Prima il Cagliari, poi la Roma, il primo traguardo è europeo, la Lazio vuole conquistare la qualificazione attraverso il campionato: «L’Udinese a Milano? Non dobbiamo concentrarci sulle partite altrui, dobbiamo pensare a noi, serve vincere col Cagliari, è l’unico risultato che conta. Affronteremo un’ottima squadra, servirà una grande prestazione. Vinciamo a Trieste e poi penseremo al risultato dei bianconeri. Io credo che l’Inter voglia fare una grande partita per chiudere bene la stagione» .

 

IL MORALE – Energie fisiche in crescita, energie mentali ritrovate, così è nata la ripartenza: «Il morale è molto importante. Siamo in crescita, domenica abbiamo provato il primo grande caldo della stagione, ora dobbiamo completare il nostro percorso» . L’eliminazione dall’Europa brucia ancora: «Purtroppo è andata come sappiamo, dobbiamo essere orgogliosi del nostro cammino, ci siamo giocati l’Europa al massimo. Non poter disputare l’ultima gara davanti ai nostri tifosi ci ha svantaggiato, lo ha visto tutto il mondo. La Lazio meritava di avere il supporto del pubblico, giocare in uno stadio vuoto non ha senso» .

 

Corriere dello Sport

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy