CDS – Hernanes chiama : “Resterò in Europa altri 5 anni”

CDS – Hernanes chiama : “Resterò in Europa altri 5 anni”

Resterà in Europa, l’ha detto. Ma resterà nella Lazio? Non si sa. Sembra un concetto implicito, è la speranza di Lotito. Hernanes ha profetizzato il suo futuro: «Giocherò ancora cinque anni in Europa. La parola del Profeta deve avere valore, non posso tornare indietro» . Da Profeta ci tiene a…

Resterà in Europa, l’ha detto. Ma resterà nella Lazio? Non si sa. Sembra un concetto implicito, è la speranza di Lotito. Hernanes ha profetizzato il suo futuro: «Giocherò ancora cinque anni in Europa. La parola del Profeta deve avere valore, non posso tornare indietro» . Da Profeta ci tiene a mantenere la parola, non tornerà in Brasile, non tornerà sui suoi passi. La confessione di Hernanes può essere letta come un messaggio alla società biancoceleste, della serie “io voglio restare”. Da qui ai prossimi cinque anni resterà in Europa e potrebbe rimanere a Roma. I colloqui per il rinnovo sono stati riallacciati ad agosto quando Lotito incontrò Joseph Lee, il manager del brasiliano. Ci fu un avvicinamento tra le parti, si trattò di un avvicinamento economico. Non si arrivò alla stretta di mano, si fissò un limite di tempo (dicembre) per organizzare l’incontro decisivo. «E’ ancora tutto fermo, ne parleremo a mercato chiuso. Mi mancano due anni di contratto e non c’è fretta» , disse il Profeta dopo il golazo rifilato all’Udinese in campionato. E’ rimasto a Roma col contratto fino al 2015, il nuovo accordo va trovato presto, tra un anno Hernanes sarà in scadenza. Il Profeta s’è innamorato della Lazio e di Roma, ha bei pensieri e belle profezie in testa, vanno tramutate in realtà. Non è soltanto un discorso economico, il brasiliano vuole sposare un progetto vincente, una Lazio sempre più ambiziosa, sogna di giocare in Champions.

LA STAGIONE – Hernanes è in Brasile, il suo rinnovo è segnato tra le priorità post mercato. Non lo preoccupa il suo futuro, lo preoccupa quello della Lazio, squadra intermittente, discontinua, sempre a metà: «La mia preoccupazione è per il girone di ritorno. Iniziamo sempre bene, ma non riusciamo ad essere regolari. Questo non deve succedere» . Il Profeta è in ritiro con il Brasile, ha parlato al “Correio Braziliense”. La sua Nazionale ha giocato ieri a Brasilia, ha affrontato l’Australia in amichevole (martedì altro test contro il Portogallo vicino a Boston). Hernanes e la Lazio, una storia lunga 38 gol: «Averne segnati tanti mi rende felice, non ero abituato a fare gol. Mi ricordo gli inizi al San Paolo, giocavo come centrocampista difensivo ora sono uno dei migliori marcatori della Lazio. E’ un bene per tutto il collettivo» . Il Profeta ha parlato di tutto, ha difeso il tifo laziale, quello pulito, antirazzismo: «Il razzismo? Non è solo la Lazio ad avere questo problema negativo. Il club in sé non ha molto a che fare con l’ideologia dei tifosi, è qualcosa di incontrollabile. La vedo come una problematica generale» . Ha pronosticato l’esito dei Mondiali, si vede vincente: «Brasile, Italia, Spagna, Germania e Argentina. Seguo la tradizione» . Hernanes Profeta e mental coach, in Confederations ha distribuito le foto della Coppa prima del torneo: «Volevo che tutti avessero ben chiaro in mente l’obiettivo. L’ho fatto anche nella Lazio, prima della finale di Coppa Italia, e abbiamo vinto. La Coppa deve essere visualizzata prima» . Anche i contratti.(Corriere dello Sport)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy