CDS – I baby di Bollini si preparano per le finali scudetto

CDS – I baby di Bollini si preparano per le finali scudetto

Sono passati tre anni, ma a cose del genere non ci fai l’abitudine. Vincere un campionato e conquistare l’accesso alla fase finale di un torneo hanno sempre un gusto diverso, e ogni volta si alimenta di straordinarietà. Fuori dall’ordinario è quello che ha fatto la Primavera di Bollini, per esempio.…

Sono passati tre anni, ma a cose del genere non ci fai l’abitudine. Vincere un campionato e conquistare l’accesso alla fase finale di un torneo hanno sempre un gusto diverso, e ogni volta si alimenta di straordinarietà. Fuori dall’ordinario è quello che ha fatto la Primavera di Bollini, per esempio. Un percorso in salita culminato con il primo posto.

IL PROGRAMMA – E adesso? Si punta allo scudetto? « Adesso ci riposiamo, è stata una stagione lunghissima e serve qualche giorno per ricaricare le batterie. Non è finita – spiega Bollini – lo sappiamo. Pianificheremo un programma di amichevoli per mantenere il ritmo partita e per arrivare ai primi di giugno in forma ». E’ già partito il toto-scontro per le finali in programma dal 2 al 9 giugno. Ma Bollini non ha una preferita: « No, non c’è: guardiamo i play off da spettatori interessati ». Miglior attacco d’Italia, giovani fatti crescere e consegnati nelle mani della prima squadra, soddisfazioni dentro e fuori dal campo: il Lazio-style è ormai un marchio di garanzia. Ma, come dice Bollini, non è stata affatto una passeggiata. « Nel girone di ritorno abbiamo preso troppi cartellini, questa è una pecca ». Ma è come cercare il pelo nell’uovo. « La partita più difficile è stata quella con il Napoli. Avevamo appena perso ai rigori con l’Anderlecht al Viareggio ed eravamo in calo. Siamo stati bravi e da li è cresciuta l’autostima, e sappiamo quando sia importante. Il rammarico è quello di aver incontrato il Napoli in Coppa, ma poi a pensarci bene sono molte di più le soddisfazioni ».
FUTURO RADIOSO – La Lazio guarda al futuro con ottimismo. « La conquista delle finali è il coronamento di un percorso che va avanti da tre anni. Per me vale più la valorizzazione del singolo, quando si hanno singoli bravi è più facile raggiungere gli obiettivi. Negli ultimi anni, però, il risultato comincia ad avere un sapore particolare ». E insomma, « questo gruppo ha un grande futuro, è cresciuto molto sotto il punto di vista della personalità ».
SUPER ALLIEVI – Ma quella della Primavera non è l’unica favola laziale. Straordinario è stato anche il percorso degli Allievi Nazionali di Inzaghi. In campionato manca ancora una giornata, ma i biancocelesti hanno già il primo posto assicurato da un po’. E’ la squadra che ha conquistato tredici vittorie consecutive, l’ultima quella del derby con la Roma, la seconda della classe. Se il futuro è radioso per la Primavera, per gli Allievi non è da meno.

 

Corriere dello Sport

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy