CDS – Kozak re dei bomber di Europa League

CDS – Kozak re dei bomber di Europa League

ROMA – Ha resistito sino alla finale di Amsterdam, respingendo l’ultimo assalto di Cardozo e Fernando Torres, che sono riusciti soltanto a ridurre le distanze, ma non a raggiungerlo. L’arbitro scozzese Collum ha contribuito a sbattere fuori la Lazio ai quarti con il Fenerbahce, ma Libor Kozak è salito lo…

ROMA – Ha resistito sino alla finale di Amsterdam, respingendo l’ultimo assalto di Cardozo e Fernando Torres, che sono riusciti soltanto a ridurre le distanze, ma non a raggiungerlo. L’arbitro scozzese Collum ha contribuito a sbattere fuori la Lazio ai quarti con il Fenerbahce, ma Libor Kozak è salito lo stesso sul trono. Il centravanti ceco si è laureato capocannoniere dell’ultima edizione di Europa League: 8 gol a partire dalla fase a gironi e senza contare la doppietta realizzata agli sloveni del Mura nel play off di fine agosto. Kozak ha messo in fila attaccanti di grandissimo nome. Nella classifica marcatori chiude al primo posto da solo con 8 centri. Precede Cavani del Napoli e Cardozo, salito a quota 7 con il gol su rigore del provvisorio pareggio del Benfica nella finale di mercoledì sera all’Arena di Amsterdam. Kozak, Cavani e Cardozo sul podio. Lo spagnolo del Chelsea, Fernando Torres, è balzato a quota 6 gol con la prodezza dell’altra sera e ha raggiunto Palacio dell’Inter, già eliminato agli ottavi di finale. Con 5 gol completano il gruppo ristretto di testa Bobadilla (Young Boys) e Rondon (Rubin Kazan). Kozak bomber raccoglie l’eredità di Radamel Falcao, per due anni di fila capocannoniere con Porto e Atletico Madrid.

FUTURO – E’ stata una stagione contraddittoria per Kozak, esaltante in Europa League e deludente in campionato. Non era mai successo che il ceco non segnasse in serie A. Gli restano gli ultimi 90 minuti a Trieste con il Cagliari, se Petkovic lo impiegherà, per provare a sbloccarsi. Nei due campionati precedenti con Reja aveva realizzato 10 gol (6 nella prima stagione e 4 l’anno scorso). In Europa League, con meno tatticismo e marcature più larghe, si è scatenato. Ora la Lazio dovrà decidere il suo futuro. Kozak chiede spazio, ha voglia di giocare con continuità, è sotto contratto sino al 2015 e non gli mancano le richieste. Lotito non ha mai pensato di privarsene e chissà che un eventuale ingresso nella prossima Europa League non lo convinca a confermarlo, confidando nella sua vena realizzativa in campo europeo come vice Klose.

Corriere dello Sport

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy