CDS – Lazio, attacco under 20

CDS – Lazio, attacco under 20

Attacco under 20, lo slogan ha un timbro duro, suona bene. La nuova tribù del gol è giovanissima, affamatissima, talentuosissima. Freschezza, velocità, potenza, fantasia, gol nell’estro dei trettrèPerea, Keita, Rozzi. Hanno 57 anni in tre, saranno associati a re Klose, ad un nuovo bomber e ad uno tra Floccari e…

Attacco under 20, lo slogan ha un timbro duro, suona bene. La nuova tribù del gol è giovanissima, affamatissima, talentuosissima. Freschezza, velocità, potenza, fantasia, gol nell’estro dei trettrèPerea, Keita, Rozzi. Hanno 57 anni in tre, saranno associati a re Klose, ad un nuovo bomber e ad uno tra Floccari e Kozak. Un ventenne (Perea), un diciottenne (Keita), un diciannovenne (Rozzi), tre attaccanti capaci di occupare più di un ruolo. Il nuovo progetto guarda al futuro, la loro presenza in rosa, in attesa di altri arrivi, ha abbassato l’età media della Lazio. Perea, Keita e Rozzi, un attacco under 20 così assortito in quanti possono vantarlo? E’ una novità per la categoria, è una scommessa che può essere vinta, il talento di quei tre promette bene. Certo, non saranno titolari, ma Petkovic li porterà in ritiro per svezzarli, li integrerà nel gruppo (Rozzi è l’unico che ne fa già parte), hanno tutto per essere il futuro.

PEREA – Dalla Colombia con furore. E’ arrivato, ha effettuato le visite mediche, è ripartito per disputare il Mondiale under 20 con la sua Nazionale. Brayan Perea, 1,89 di altezza, centravanti classe 1993, ha velocità, salta l’uomo, può essere impiegato anche da esterno offensivo. Ha compiuto 20 anni il 25 febbraio, sarà in Turchia dal 21 giugno al 13 luglio, si unirà alla Lazio il 15 luglio, sbarcherà in ritiro. A febbraio ha vinto il torneo Sub20, è uno dei giovani più interessanti del panorama internazionale. «Occhio a Perea» , ha detto il diesse Tare, può diventare la rivelazione del mercato laziale. Crescerà all’ombra di Klose, proverà a strappare fiducia sin dai primi giorni.

 

KEITA – Dalla Primavera con predestinazione. Keita Balde Diao, fresco di scudetto, sarà nella lista dei prescelti per Auronzo di Cadore. E’ la grande promessa del settore giovanile biancoceleste, la stellina destinata a diventare stella. E’ un attaccante esterno da 4-3-3, è classe 1995, ha compiuto 18 anni l’8 marzo, la sua luce ha illuminato i campi di Formello e del torneo Primavera. E’ stato soffiato al Barcellona, ha un talento innato, ma non basta per sfondare nel calcio. Keita sa di essere forte, non deve perdere umiltà, a volte lo porta ad estraniarsi dal gioco. Nella finale di Gubbio ha provocato il vantaggio (ha conquistato la punizione realizzata da Cataldi) e ha fornito a Tounkara l’assist del 3-0. Ma non ha firmato una prestazione da citazione, tutt’altro. Keita si è allenato per vari mesi agli ordini di Petkovic, da luglio in poi le lezioni entreranno nel vivo e non basterà azionare il turbo per superare la concorrenza ed imporsi, in serie A occorre anche la testa. Ha potenzialità enormi, hanno impressionato anche tanti big di prima squadra. E’ mancino di piede, è abile nell’uno contro uno, ha un tiro potente.

 

ROZZI – Dalla cantera laziale con ambizione. Antonio Rozzi è già nel giro dei grandi, tornerà in ritiro. Centravanti ed anche attaccante esterno, è stato promosso in prima squadra da tempo, era in lista Uefa e sarà confermato, sarà coinvolto ancora di più. Studia alla scuola di Klose, il tedesco spesso si ferma in campo con lui e gli dà consigli preziosi. E’ stato lanciato in A da Reja, ha esordito in Europa League, è classe 1994, ha compiuto 19 anni il 28 maggio. Ha saltato la finale Primavera per infortunio, nei giorni precedenti era stato protagonista con l’under 19 nelle sfide valide per le qualificazioni all’Europeo di categoria. Rozzi, romano, laziale purosangue, ha firmato il rinnovo sino al 2016, era in scadenza, ha risposato la Lazio. Lui e i suoi giovani compari vogliono far divertire.

 

Corriere dello Sport
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy