CDS – Lazio e Juve last minute

CDS – Lazio e Juve last minute

Il viaggio più lungo per rientrare a Roma toccherà a Gonzalez. L’Uruguay oggi affronta in amichevole il Giappone a Rifu, nella prefettura di Miyagi, alle 21,20 locali (12,20 italiane). Dovrà attendere Ferragosto per rimettersi in moto e imbarcarsi per rientrare a Fiumicino, dove prevede di atterrare domani sera o la…

Il viaggio più lungo per rientrare a Roma toccherà a Gonzalez. L’Uruguay oggi affronta in amichevole il Giappone a Rifu, nella prefettura di Miyagi, alle 21,20 locali (12,20 italiane). Dovrà attendere Ferragosto per rimettersi in moto e imbarcarsi per rientrare a Fiumicino, dove prevede di atterrare domani sera o la mattina di venerdì. Nove ore di fuso orario da smaltire. Il Tata è abituato. Viaggerà con Caceres, difensore della Juventus, parlando della finale di Supercoppa. Dieci nazionali. La Lazio di Petkovic scende in campo in giro per l’Europa.

NIGERIA– Fuori dal vecchio Continente soltanto due giocatori. Un altro centrocampista da aggiungere a Gonzalez. Si tratta di Eddy Onazi, convocato dalle Super Eagles della Nigeria. Appuntamento assai sentito l’amichevole di Durban con il Sudafrica: si gioca la Coppa intitolata a Nelson Mandela. Un piccolo vantaggio per gli azzurri della Lazio. Questa sera, dopo la partita tra Italia e Argentina, potranno tornare a dormire a casa. Domani, nel giorno del suo cinquantesimo compleanno, Vlado ritroverà Marchetti, Candreva e Biglia a Formello. Dovrà aspettare venerdì per riavere la squadra al completo. Miroslav Klose stasera dovrebbe fare staffetta con Mario Gomez nella sfida al Paraguay e nel suo vecchio stadio del Kaiserslautern cercherà di segnare il gol che gli manca per raggiungere Gerd Muller. Senad Lulic a Sarajevo vivrà un altro piccolo derby: la Bosnia affronterà gli Stati Uniti del romanista Bradley. Un’ora di aereo o poco più per Hernanes: il Brasile del ct Scolari scende in campo a Basilea per giocare contro la Svizzera. Lorik Cana a Tirana guiderà con la fascia di capitano l’Albania nell’amichevole con l’Armenia e chissà che non torni indietro con Etrit Berisha, il portiere prescelto per sostituire il partente Bizzarri. Kozak a Budapest sarà impegnato nel derby dell’Est tra Repubblica Ceca e Ungheria.

SCELTE – Il totale fa dieci giocatori, di cui sei titolari sicuri di Petkovic nella finale di Supercoppa. Marchetti, Biglia, Candreva, Hernanes, Lulic e Klose. Diventerebbero sette se Cana riuscisse a scavalcare Dias, per adesso in vantaggio. Onazi e Gonzalez partono in ritardo rispetto a Biglia, che si sta imponendo nel nuovo centrocampo biancoceleste. Tre giorni e il Ferragosto in nazionale per provare a ribaltare le gerarchie fissate nell’amichevole di Londra. (Fabrizio Patania)

 

TORINO – Gli impegni con le Nazionali, come sempre, arrivano nel periodo peggiore. La Juventus ieri ha iniziato l’avvicinamento al primo impegno ufficiale della stagione, la finalissima di Supercoppa italiana contro la Lazio, e ha dovuto farlo senza ben 13 giocatori impegnati con le rispettive nazionali. Una situazione non proprio congeniale ad Antonio Conte che avrà pochissimi giorni per preparare al meglio il match con la rosa al completo e che avrebbe fatto molto volentieri a meno di questa situazione visto che i suoi sono appena tornati dalla lunga tournèe americana post-Chatillon.

MATCH CLOU – Domenica scorsa i bianconeri hanno concluso il precampionato con il consueto vernissage a Villar Perosa contro la formazione Primavera e domenica prossima si apprestano ad affrontare il primo match clou della stagione. Quella allo stadio Olimpico di Roma contro la squadra di Petkovic sarà una sfida da “dentro o fuori”, a caccia della sesta Supercoppa Italiana della storia juventina. Non solo le qualificazioni ai Mondiali di Rio 2016, ora ci mancavano anche le amichevoli a privare Conte di diversi giocatori. Così l’aggancio al primo trofeo della stagione sarà tutt’altro che facile.
72 ORE – Lunedì la truppa ha riposato, ieri s’è ritrovata a Vinovo senza Buffon, Barzagli, Bonucci, Chiellini, Marchisio e Pirlo che incroceranno Messi e l’Argentina nella capitale nella sfida organizzata in onore di Papa Francesco; Lichtsteiner che con la Svizzera affronterà il Brasile a Basilea; Llorente, volato fino in Ecuador per affrontare i padroni di casa con la “Roja”; Vucinic che affronterà la Bielorussia a Minsk con il Montenegro; Asamoah che ad Istanbul aiuterà il suo Ghana contro la Turchia; Isla e Vidal che proveranno a battere l’Iraq con il Cile in Danimarca mentre Caceres sarà impegnato in Giappone con l’Uruguay. Tutti match che si giocheranno questa sera. E meno male che Tevez ha chiuso con l’Argentina e che Ogbonna e Giovinco non sono stati convocati da Prandelli, altrimenti il gruppo sarebbe stato ridotto ai minimi storici portando a 16 (su 26 giocatori in rosa) gli assenti. In ogni caso torneranno tutti a disposizione giovedì, ad eccezione di Caceres e Llorente che dovranno affrontare un lunghissimo viaggio per rientrare dal Giappone e dall’Ecuador. Poco male per il basco, tanto Conte ha già deciso: la coppia di attaccanti che contenderanno la Supercoppa alla Lazio sarà composta da Tevez e Vucinic.

 

Corriere dello Sport

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy