CDS – Lazio, per Kozak servono 8 milioni. Floccari verso il sì

CDS – Lazio, per Kozak servono 8 milioni. Floccari verso il sì

Sette acquisti aveva promesso Lotito, ne ha già piazzati sei e adesso prepara il settimo, forse un attaccante da mettere accanto a Klose, ma le riflessioni in casa Lazio dureranno ancora qualche giorno. Lotito nel week-end salirà nel ritiro di Auronzo di Cadore, si confronterà con il diesse Tare e…

Sette acquisti aveva promesso Lotito, ne ha già piazzati sei e adesso prepara il settimo, forse un attaccante da mettere accanto a Klose, ma le riflessioni in casa Lazio dureranno ancora qualche giorno. Lotito nel week-end salirà nel ritiro di Auronzo di Cadore, si confronterà con il diesse Tare e con il tecnico Petkovic per ascoltare il suo parere sui giovani aggregati in prima squadra. Nelle intenzioni della società biancoceleste c’è l’idea di tenere Antonio Rozzi in lista Uefa per l’Europa League e di portare stabilmente Keita in serie A. Il tecnico bosniaco deve ancora cominciare a valutare Brayan Perea, il colombiano su cui è pronto a scommettere Igli Tare. E poi ci sono i casi in sospeso di Libor Kozak e Sergio Floccari.

NO PRESTITO – Il centravanti ceco, capocannoniere nell’ultima edizione di Europa League, è il principale candidato a partire. La Lazio non lo ha messo in discussione, ma è soprattutto Libor a spingere. Desidera giocare, crescere, trovando spazio con maggiore continuità. Davanti si trova un monumento come Klose e c’è la concorrenza di Floccari, senza considerare il probabile acquisto di un’altra punta. Petkovic non gli può garantire lo spazio che merita e chiede. Kozak ha il contratto in scadenza il 30 giugno 2015 e una lunga fila di pretendenti. Il suo nome era stato accostato all’Udinese nel quadro del possibile riscatto a titolo definitivo di Candreva. Lo hanno chiesto Livorno, Verona e Chievo. Ha tanto mercato anche in Europa e Lotito sta valutando (senza fretta) le possibili soluzioni. Il presidente ci tiene a Libor, sarebbe più contento se riuscisse a trattenerlo, fatica ad accettare l’idea di una cessione e di sicuro non se ne libererà in prestito. Tra un anno Kozak entrerebbe in scadenza, ecco perché la Lazio oggi prende in considerazione soltanto proposte economiche consistenti per il suo cartellino. Lotito ha fissato il prezzo: servono 8 milioni di euro per acquistare Kozak, questo ha comunicato al centravanti ceco. I suoi agenti, per portarlo via, devono tirare fuori un’offerta importante, altrimenti Libor resterà alla Lazio. Petkovic, che ci riproverà in Europa League, così avrebbe ancora a disposizione il capocannoniere del torneo.

RINNOVO – Il destino di Kozak è legato indirettamente al rapporto contrattuale tra la Lazio e Floccari. Il centravanti di Vibo Valentia, 10 gol nell’ultima stagione, ha espresso l’intenzione di restare in biancoceleste. L’estate scorsa disse no alla cessione al Bologna pur sapendo che avrebbe dovuto soffrire per trovare spazio. Adesso è più vicino alla conferma, ma il suo contratto scade nel 2014 ed è ovvio che la Lazio si debba cautelare. Lo confermerà soltanto se ci sarà il rinnovo. Lotito e Vigorelli, il suo manager, hanno già avviato dei colloqui. Il week-end ad Auronzo di Cadore, quando il presidente salirà in ritiro, potrebbe portare qualche novità. Si attende la fumata bianca. Le parti lavorano per un prolungamento biennale che porterebbe Floccari sino al 2016. Sergio compirà 32 anni a novembre. E’ possibile che la società gli chieda di spalmare l’ingaggio, sarà necessario trovare un accordo che accontenti tutti. I segnali sono positivi, Floccari verso il sì e il rinnovo. Qualora l’accordo non si concretizzasse, finirebbe sul mercato a beneficio di Kozak, ma per adesso è l’ipotesi più remota.

Corriere dello Sport

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy