CDS – Lazio, per l’attacco il vero colpo sarà..

CDS – Lazio, per l’attacco il vero colpo sarà..

Floccari, ancora Floccari. Due gol nelle ultime tre partite, prima l’Atalanta, poi il Palermo. Non ha centrato il bersaglio a Torino, punta il Chievo. Spazio a Floccari, Klose non è al top, è rientrato ieri in gruppo, andrà in panchina, sarà pronto per il ritorno con la Juve. La Lazio…

Floccari, ancora Floccari. Due gol nelle ultime tre partite, prima l’Atalanta, poi il Palermo. Non ha centrato il bersaglio a Torino, punta il Chievo. Spazio a Floccari, Klose non è al top, è rientrato ieri in gruppo, andrà in panchina, sarà pronto per il ritorno con la Juve. La Lazio ha trovato il suo vice, se di vice si può parlare. Sergio è un titolare aggiunto, l’ha dimostrato. Ha aspettato l’occasione d’oro, l’ha sfruttata e s’è preso la maglia da centravanti. Petkovic è al sicuro, un Floccari così in forma è invidiabile. Firmerà la seconda presenza da titolare in campionato, la prima l’ha timbrata in Sicilia sabato scorso. Palla a Floccari e potreste abbracciarvi, tifosi biancocelesti. In casa s’è scatenato spesso, iniziò la sua avventura biancoceleste rifilando due gol al Livorno, era il gennaio 2010. Sono passati tre anni, il tempo vola. Floccari ha creduto nella Lazio e oggi si gode lo spazio che il destino gli ha riservato.



UNO IN PIU’ – C’è un bomber in più, è calabrese, gioca a tutto campo, alla Klose. Ha iniziato il girone di ritorno segnando due gol, è un acquisto di valore. Nella prima parte della stagione ha sofferto in panchina, ha avuto poche possibilità per mettersi in mostra. E’ stato utilizzato in Europa League, è stato sganciato in Coppa Italia. In campionato subentrava, ma incidere sfruttando spezzoni di partita non è semplice per nessuno. Ha giocato meno di 300’ in serie A (nove presenze totali), il suo minutaggio aumenterà nella seconda parte della stagione. In tutto è sceso in campo 18 volte (9 presenze in A, 6 in Europa League, 3 in Coppa Italia). Ha segnato cinque reti (2 in campionato, 3 in Europa) in 954’ di gioco. In pratica segna ogni 191’ (più o meno un gol ogni due partite). E può fare ancora di più se avrà maggiore spazio. La Lazio ha un bomber fresco, può sfruttare i suoi colpi. Nel girone di andata ci hanno pensato Klose ed Hernanes a garantire il bottino di reti, dal giro di boa in poi è entrato in gioco Floccari e promette scintille. In quanti possono schierare un attaccante pimpante e prolifico da gennaio in avanti? Uno capace di occupare più ruoli e di associarsi a vari compagni, di essere schierato in vari moduli? In pochi, in pochissimi. La Lazio può, è un’arma che può rivelarsi decisiva. Klose deve tornare al top, Floccari sta crescendo, il futuro è loro. Petkovic studia, potrebbe accoppiarli presto in attacco modificando il modulo. Il 3-5-1-1 sta funzionando, dà buoni frutti, in un amen può diventare un 3-5-2 puro, con due bomber in linea.

LA SQUADRA – Petkovic ha pronto il piano anti-Chievo, così almeno sembra. Ieri ha provato la difesa a quattro, era composta da Cavanda, Dias, Ciani e Radu. Biava è acciaccato e merita un turno di riposo, Dias è pronto al rientro. Sta giocando poco ultimamente, a dicembre si fece male, in Coppa Italia era squalificato (ha scontato i tre turni di stop, è utilizzabile dalla semifinale di ritorno). Il brasiliano non è titolare dal 5 gennaio, da Lazio-Cagliari. Nella difesa a tre non è stato impiegato, l’esplosione di Ciani l’ha un po’ penalizzato. Dias vuole riprendersi la Lazio. E’ probabile che Vlado torni al 4-1-4-1 con Ledesma davanti alla retroguardia. E’ ipotizzabile un centrocampo con Candreva, Hernanes, Gonzalez e Lulic. L’uruguaiano ha una caviglia malandata, vuole esserci, ieri stava meglio. E’ in dubbio Mauri, tutta colpa di un problema ad un gluteo. Cana è squalificato, deve scontare un turno di stop. La rifinitura è in programma nel pomeriggio a Formello, Petkovic parlerà alle 15 in conferenza stampa. Il Chievo ha sempre dato filo da torcere ai biancocelesti all’Olimpico (un solo successo della Lazio negli ultimi 10 anni), è l’ora di sfatare questo tabù. A Floccari il compito di bucare la rete.

Fonte: Il Corriere dello Sport

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy