CDS – Lazio, si parte Voglia di stupire

CDS – Lazio, si parte Voglia di stupire

Le speranze sono belle. Negli occhi di Felipe Anderson, Perea, Vinicius (visite ok), Rozzi, Keita, Cataldi e degli altri baby d’oro c’è il futuro della nuova Lazio, è l’immagine che scegliamo per battezzare il nuovo corso. Non saranno comparse, potranno meritare spazio, dovranno convincere, confermare il loro talento, non possono…

Le speranze sono belle. Negli occhi di Felipe Anderson, Perea, Vinicius (visite ok), Rozzi, Keita, Cataldi e degli altri baby d’oro c’è il futuro della nuova Lazio, è l’immagine che scegliamo per battezzare il nuovo corso. Non saranno comparse, potranno meritare spazio, dovranno convincere, confermare il loro talento, non possono deludere. Parte la Lazio, un nuovo viaggio la aspetta, va incontro ad orizzonti che si schiudono. Parte con la Coppa Italia in spalla, un carico di giovani di belle speranze, un organico più fresco e omogeneo e una forza maggiore. Parte oggi la carovana guidata da Petkovic, c’è sempre lui al comando. Parte con due soli acquisti sui cinque centrati (Novaretti e Vinicius): domani in ritiro arriverà Biglia, Felipe Anderson e Perea sbarcheranno appena otterranno il visto. Il brasiliano è atteso tra lunedì e martedì, ma è reduce da un infortunio, sarà pronto ad inizio agosto. La spesa sinora è costata 21 milioni di euro, è una delle estati più dispendiose dell’era Lotito. Il segno del rinnovamento, della fame di vittoria che ha contagiato il presidente.

LA TABELLA – Parte ufficialmente la stagione 2013-14, sino a ieri il tempo è stato riservato all’espletamento dei riti d’iniziazione: visite mediche e test atletici. Stamane la squadra effettuerà il primo allenamento a Formello, nel pomeriggio (ore 16.45) s’imbarcherà sul volo Roma-Venezia, successivamente il gruppo salirà a bordo di un pullman e raggiungerà il ritiro di Auronzo di Cadore. Cena e pernottamento, questo prevede il programma. Le sedute di lavoro scatteranno domani (mattina e pomeriggio), sino al 25 luglio ci sarà poco tempo per rifiatare e riposare. Quattro amichevoli previste: Lazio-Auronzo (16 luglio), Lazio-Brasile Soccer Team (20 luglio), Lazio-Selezione Cadore (21 luglio), Lazio-Spezia (24 luglio). Sono in via di definizione la seconda e la terza fase del precampionato: dal 27 luglio al 4 agosto è prevista una tournée cinese (due test), al rientro la Lazio dovrebbe fare tappa a Fiuggi. E’ possibile che il 10 agosto sbarchi a Londra per disputare un’amichevole contro il Crystal Palace, poi si penserà solo alla finale di Supercoppa con la Juventus (18 agosto), la preparazione del match avverrà a Formello.

 

I CONVOCATI – L’elenco dei convocati sarà diramato oggi, le indiscrezioni attendono conferma: sarebbero 35 i prescelti, ad Auronzo lavorerebbero in 31, nella lista di certo non sono compresi i quattro nazionali reduci dalla Confederations (Marchetti, Candreva, Hernanes e Gonzalez saranno a Roma tra il 25 e il 26 luglio). E’ uscito di scena Cavanda, era stato convocato, non si è presentato alle visite, dal suo staff dicono che è stato bloccato dalla febbre, la Lazio medita provvedimenti disciplinari. Era stato chiamato anche Zarate, è rimasto in Argentina, aspetta il lodo arbitrale. Onazi si aggregherà ai compagni oggi, in mattinata effettuerà le visite di idoneità insieme a Bizzarri, saranno gli ultimi a recarsi al centro Paideia. Ieri di fronte ai medici si sono presentati Petkovic (primo ad arrivare), Antic, Keita, Tounkara, Ledesma, Dias, Ederson, Klose, Kozak, Alfaro e Floccari. I controlli in Paideia sono scattati alle 8, ogni pratica è stata sbrigata secondo turnazione. Nel pomeriggio, al centro Isokinetic, sono proseguiti i test di forza (utili per prevenire gli infortuni stagionali, i dati raccolti saranno preziosi in ritiro e in futuro).

 

I FRONTI – E’ tutto pronto, si ricomincia. Sarà una lunga stagione, è proiettata su vari fronti: Supercoppa, campionato, Europa League, Coppa Italia. Il sogno Champions è sempre svanito negli ultimi tre anni, prima o poi (meglio prima…) dovrà essere centrato. Petkovic inizierà gli esperimenti tattici a breve (confermerà il 4-1-4-1 o varierà tema?), ma non potrà avere a disposizione alcuni big. Un attacco under 20 dietro Klose e Floccari (Kozak è destinato a partire), i campioni d’Italia della Primavera da svezzare, i big tutti confermati (almeno sinora), le alternative nei ruoli chiave (mancavano da anni), sono queste le premesse che fanno sperare. E chissà che il mercato non regali altre due sorprese, ma solo dopo aver chiuso alcune cessioni (in uscita ci sono Sculli, Matuzalem, Cavanda, Stankevicius e Alfaro oltre Zarate). Cinque acquisti centrati, con un vice Konko e un attaccante in più si salirebbe a quota 7, è il numero di colpi annunciati da Lotito, ad oggi ha mantenuto tutte le promesse. Primo appuntamento: la Supercoppa Italiana. Il 18 agosto, a Roma, ci sarà un altro trofeo da alzare al cielo.

 

Corriere dello Sport
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy