CDS – Linea verde aspettando Klose

CDS – Linea verde aspettando Klose

Un attaccante arriverà, ma solo a luglio. E’ Brayan Perea, classe 1993, il giovane colombiano che Lotito ha acquistato dal Deportivo Calì (ieri le firme, contratto sino al 2018). Il presente sarà costruito in casa. Rozzi più Keita dietro Floccari e Kozak: linea verde, i giovani attaccanti in rampa di…

Un attaccante arriverà, ma solo a luglio. E’ Brayan Perea, classe 1993, il giovane colombiano che Lotito ha acquistato dal Deportivo Calì (ieri le firme, contratto sino al 2018). Il presente sarà costruito in casa. Rozzi più Keita dietro Floccari e Kozak: linea verde, i giovani attaccanti in rampa di lancio. E’ la prima soluzione in casa Lazio per rimpolpare l’attacco dopo l’infortunio di Miro Klose (due mesi di stop). Il reintegro di Zarate non convince, una decisione sarà presa entro 48 ore, si va verso il no. E il mercato degli svincolati non offre spunti interessanti.

IL PIANO – Largo alle giovani aquile, è questa l’intenzione della società. La Lazio aveva fissato un obiettivo a inizio stagione, l’inserimento di alcuni ragazzi in prima squadra. La scelta di cedere giocatori-simbolo e in età avanzata come Rocchi e Scaloni va letta anche sotto questa ottica. Il diesse Tare ha individuato talenti promettentissimi negli ultimi anni, ha costruito un percorso per lanciarli nel grande calcio: Onazi, tra le rivelazioni della Coppa d’Africa, è un esempio lampante. Il resto del progetto giovani potrebbe essere anticipato di qualche tempo. Rozzi ha già esordito in serie A e in Europa League, fa parte della rosa. Keita, talento uscito dalla Cantera del Barcellona, s’è allenato spesso con Petkovic. Il suo esordio in campionato era già programmato entro marzo e in estate sarebbe stato inserito nella lista dei convocati per il ritiro 2013-14. Keita da gennaio ha iniziato a incantare con la Primavera, ieri si è allenato con la prima squadra insieme ad altri compagni: l’attaccante Tounkara, i centrocampisti Antic, Falasca, Crecco e Cataldi. Vlado aveva bisogno di uomini, la Lazio è orfana degli infortunati Klose, Brocchi, Hernanes ed Ederson, mancavano anche 7 nazionali (Cana, Candreva, Marchetti, Lulic, Gonzalez, Radu, Onazi).

KEITA – Lotito gongola da tempo pregustando il giorno in cui potrà mettere in vetrina il suo gioiello. Keita Balde Diao viaggia verso la promozione. E’ stato strappato la Barcellona, è un attaccante esterno da 4-3-3. E’ abilissimo nel dribbling, ha un tiro formidabile. Spesso segue la Lazio all’Olimpico, sogna il debutto in prima squadra. Certo, è un ragazzo, compirà 18 anni l’8 marzo, non va caricato di responsabilità. La sua qualità è fuori discussione, per diventare campioni serve però anche la testa giusta, una maturità da raggiungere attraverso un processo di crescita. E’ stato affidato alle cure di Alberto Bollini, il tecnico della Primavera. Le piccole aquile preparano l’esordio nel Viareggio e Keita è previsto nella lista dei partecipanti: c’è da capire se rimarrà a disposizione di Bollini o sarà integrato stabilmente in prima squadra. La Lazio non vuole correre il rischio di bruciarlo, ma è convinta della sua forza, lo proteggerà.

BROCCHI – Il mercato, le strategie interne e l’infermeria. Brutte notizie per Brocchi, l’infortunio al piede destro è grave, si tratta di una ricaduta, potrebbe chiudere la carriera. Oggi sarà sottoposto ad un piccolo intervento, lo effettuerà il professor Stefano Lovati, ortopedico di fiducia della Lazio. Ogni decisione sarà presa dopo l’operazione. «Nel pomeriggio Cristian Brocchi, presso la Clinica Paideia, è stato sottoposto ad accertamento radiografico e TAC al piede destro. Tali accertamenti hanno evidenziato una piccola infrazione al livello della base e del secondo metatarso ed una lussazione metatarso-falangea del terzo dito per cui, nella giornata di domani, sarà sottoposto a riduzione cruenta» , è il comunicato diffuso ieri dal club.

FONTE – IL CORRIERE DELLO SPORT

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy