CDS – Lotito striglia Petkovic

CDS – Lotito striglia Petkovic

Petkovic strigliato, subito a rapporto da Lotito e Tare. E’ successo a fine partita, il summit s’è consumato negli spogliatoi. Se il confronto è stato duro? Il giusto. La sconfitta è stata pesante, l’atteggiamento della squadra non è piaciuto, certe scelte tecniche non sono state digerite. Hernanes in marcatura su…

Petkovic strigliato, subito a rapporto da Lotito e Tare. E’ successo a fine partita, il summit s’è consumato negli spogliatoi. Se il confronto è stato duro? Il giusto. La sconfitta è stata pesante, l’atteggiamento della squadra non è piaciuto, certe scelte tecniche non sono state digerite. Hernanes in marcatura su Pirlo, Gonzalez e Onazi inizialmente in panchina, sono questi alcuni dei capi d’accusa mossi dai dirigenti al tecnico. Lotito e Tare s’aspettavano una Lazio diversa, più quadrata, più solida, con più certezze in campo, quantomeno le stesse assorbite l’anno scorso, non si sono viste. Petkovic non è stato assolto, non era possibile farlo. La squadra non è stata giustificata, ci mancherebbe. Ma il primo incontro Lotito e Tare l’hanno voluto con l’allenatore per mettere in chiaro certi punti, per responsabilizzarlo, per evitare che in futuro si ripetano certi equivoci. Non ci sono crisi in atto, ma presidente e direttore sportivo si sono confrontati in modo schietto con Vlado, non a caso s’è presentato in conferenza in ritardo, dopo mezzanotte (in un primo momento l’incontro con la stampa sembrava annullato). 
Lotito e Tare credono nelle scelte fatte ad inizio stagione, hanno grandi ambizioni, non faranno sconti. C’è fiducia nell’allenatore bosniaco, c’è stima per quanto ha fatto l’anno scorso nonostante il calo registrato in campionato. Sono state compiute delle scelte di mercato, è arrivato Biglia, la Lazio coi tre registi può essere una tentazione, ma la perdita di mediani di forza del calibro di Gonzalez e Onazi già in passato era stata pagata a caro prezzo. Lotito e Tare erano dubbiosi sull’atteggiamento tattico scelto nelle ultime uscite (i tre registi appunto), s’aspettano una svolta immediata.

LEDESMA – Petkovic strigliato, i giocatori in silenzio a parte Ledesma. Chiedono scusa e chiedono pazienza attraverso il caposquadra (con Mauri squalificato la fascia tocca all’argentino). Hanno la faccia a terra, i laziali: «Non impazziamo e non abbattiamoci», è l’invito di Cristian. L’hanno fatta grossa, si sono fatti umiliare dalla Juve, c’è modo e modo di perdere. Ledesma sa che l’ambiente è facilmente infiammabile, sa che la Lazio è ingiustificabile: «La sconfitta è brutta, pesante, non ci sono scuse, non ci sono alibi mentali o fisici, non c’entra il fatto che s’è giocata la prima gara ufficiale. E’ chiaro, c’è da lavorare, dobbiamo capire dove c’è da migliorare, ma non dobbiamo impazzire, non dobbiamo fare il gioco dei buoni e dei cattivi. A maggio abbiamo vinto tutti insieme, stavolta abbiamo perso tutti insieme. Sono stati commessi errori di squadra, non individuali». 
Ledesma non ha cercato scuse, non ha chiesto clemenza, ma ha ripetuto il concetto più volte. La squadra ha capito d’aver sbagliato, d’essersi macchiata di errori gravi, ha promesso una reazione d’orgoglio immediata : «Pensiamo subito al campionato, all’esordio contro l’Udinese, dobbiamo rimanere tranquilli nonostante la caduta». Ecco cos’è mancato nel secondo tempo: «Siamo stati lunghi, nel primo tempo ci eravamo espressi in modo diverso, avevamo risposto colpo su colpo, era quella la gara da fare per tutti i 90 minuti». La squadra inizialmente aveva retto: «Nel primo tempo i nostri centrali difensivi sono stati eccezionali, hanno giocato uno contro uno e hanno retto. Nel secondo tempo abbiamo pagato un black-out e la partita è finita. Dovevamo essere più ordinati e quadrati, non ci siamo riusciti. Lichtsteiner affondava? Sulle fasce abbiamo sofferto perché non abbiamo fatto quadrato. Nel primo tempo sì e abbiamo dimostrato di potercela giocare».

Corriere dello Sport

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy