CDS – «Questa Lazio ha un futuro»

CDS – «Questa Lazio ha un futuro»

Chissà se Lotito ha in mente il blitz. Potrebbe presentarsi stasera in tribuna al Barbetti, dove intanto viene data per certa la presenza di Igli Tare. Spingere la Primavera alla conquista della seconda finale consecutiva è quello che vogliono alla Lazio. Sulla strada c’è il Chievo, sorprendente semifinalista arrivato fin…

Chissà se Lotito ha in mente il blitz. Potrebbe presentarsi stasera in tribuna al Barbetti, dove intanto viene data per certa la presenza di Igli Tare. Spingere la Primavera alla conquista della seconda finale consecutiva è quello che vogliono alla Lazio. Sulla strada c’è il Chievo, sorprendente semifinalista arrivato fin qui attraverso i play-off e la vittoria sulla Juve per 2-1 ai supplementari dei quarti di finale. C’è un’ambizione superiore: prendersi lo scudetto che manca dal 2001. C’era Alberto Bollini all’epoca, c’è Bollini oggi. Gli aquilotti approdano all’appuntamento con il rientro dalla squalifica di Keita sicuro titolare e Tounkara destinato alla panchina, sebbene l’allenatore qualche dubbio lo mantiene. I due gioielli scuola Barcellona sono particolarmente attesi.

LE SCELTE – Bollini avrebbe voluto avere il gruppo al completo, invece con lo stiramento di Rozzi che ha concluso anzitempo al sua fase finale (ne avrà per almeno due settimane) è arrivata la squalifica di Lombardi. Il ragazzo dopo il gol al Torino nei quarti di finale è andato irrefrenabile verso i propri tifosi appoggiandosi alla cancellata. Il provvedimento ha fatto discutere nell’entourage biancoceleste. Dovrà stare attento il difensore Serpieri che è in diffida. Per arrivare dritti alla mèta servono concentrazione, convinzione, umiltà. Non contano i favori del pronostico, Bollini ha messo in guardia i suoi: «Siamo contenti di chiamarci Lazio e felici di essere qui. Ma abbiamo anche un grandissimo rispetto del Chievo. Il blasone è diverso, però nel settore giovanile non esiste» . E’ orgoglioso il tecnico di questo gruppo: «C’è un bel gruppo rinnovato con tanti ragazzi del ‘95. Ce ne stanno in pianta stabile almeno 5-6, oltre a Tounkara del ‘96. I nostri giovani hanno un futuro» .
D’ANNA ELOGIA – Lorenzo D’Anna, tecnico del Chievo, parte dalle certezze:«Aver raggiunto la fase finale è già un motivo di soddisfazione, figurarsi poter disputare una semifinale. C’è una crescita della squadra e del sottoscritto. Sto affrontando un percorso nuovo. La Lazio? Forte, Bollini è uno dei migliori anche perchè conosce profondamente l’attività giovanile» .

 

Così a Gubbio (ore 21):

LAZIO (4-3-1-2): Strakosha; Pollace, Vilkaitis, Serpieri, Filippini; Antic, Falasca, Crecco; Cataldi; Keita, Vivacqua. A disp.: Scarfagna, Andreoli, Bilali, De Francesco, Fiore, Luque, Ilari, Pace, Paterni, Silvagni, Tira, Tounkara. All.: Bollini. 
CHIEVO (4-3-3): Provedel; Maccarone, Coulibaly, Manfrin, Costa; Franchini, Djiby, Toskic; Sowe, Cisotti, Da Silva. A disp.: Ronchi, Moschin, Burato, Ronca, Marchionni, Fochesato, Magri, Popadiyn, Paruzza, Messetti, Alimi, Ekuban. All.: D’Anna. 
ARBITRO: Sacchi di Macerata. 
Guardalinee: Bellagamba e Fraschetti. 
Quarto uomo: Ceccarelli.

Corriere dello Sport

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy