CDS – Tare: Il tecnico è legato a noI

CDS – Tare: Il tecnico è legato a noI

Quando la Lazio di Petkovic scendeva in campo alla Pepsi Arena di Varsavia, i vertici della federcalcio svizzera si riunivano nelle segrete stanze degli uffici di Berna per scegliere il futuro ct della nazionale elvetica. Sono i giorni, le ore decisive di una trattativa che potrebbe portare Vlado (qualora fosse…

Quando la Lazio di Petkovic scendeva in campo alla Pepsi Arena di Varsavia, i vertici della federcalcio svizzera si riunivano nelle segrete stanze degli uffici di Berna per scegliere il futuro ct della nazionale elvetica. Sono i giorni, le ore decisive di una trattativa che potrebbe portare Vlado (qualora fosse scelto) sulla panchina della nazionale elvetica. La Svizzera lo vuole per affidargli l’eredità di Hitzfeld, che lascerà dopo il Mondiale in Brasile. Il mandato partirebbe da luglio. E Vlado viene considerato il grande favorito. Deve solo superare la concorrenza di Pierluigi Tami, selezionatore dell’Under 21, gradito a una parte dello spogliatoio. Ecco perché il ballottaggio, che verrà risolto entro il 15 dicembre con un annuncio ufficiale, è ancora aperto. Naturalmente dire sì alla Svizzera, accettando un incarico per la prossima stagione, significherebbe per Petkovic e la Lazio trovarsi in una situazione delicatissima da gestire nei prossimi mesi. La società biancoceleste si è confrontata con il tecnico bosniaco, aspetta gli sviluppi e sta continuando a difenderlo. Non intende pensare a un divorzio anticipato. Vlado ha parlato di voci di corridoio, s’è rifugiato in corner, aggrappandosi alle speculazioni della stampa. Ma Blick viene considerato in Svizzera un quotidiano autorevolissimo e con diversi agganci in federazione. Non si tratta di una storia inventata.

ATTESA – Prima della partita di Europa League con il Legia Varsavia, il ds Igli Tare ha provato a fare chiarezza, parlando in diretta televisiva ai microfoni di Mediaset e Sky. «Visto il suo contratto in scadenza, si può permettere di fare speculazioni. Noi ci siamo confrontati con lui e in questo momento dobbiamo solo concentrarci sul campo» sono state le prime frasi del dirigente della Lazio.«Petkovic è stato molto chiaro ieri in conferenza, usando una parola: speculazioni. Si tratta di speculazioni. Noi non abbiamo avuto notizie dalla federazione svizzera, nè da lui. Non stiamo attraversando un momento sereno. Chiedo anche a voi di avere rispetto della situazione» . Si prova a gestire. E si attendono gli sviluppi. La Lazio valuterà gli eventi. Tare non ha voluto precorrere i tempi e non si è sbilanciato su cosa potrebbe accadere a Natale se la Svizzera annunciasse Petkovic come futuro ct. «Non facciamo se e ma. Abbiamo un contratto con Petkovic, per ora si parla di speculazioni e non entro nel merito. E’ un momento delicato della stagione. Ogni cosa sarà risolta a suo tempo» .

FORZA –

Tare ha assicurato che il rapporto tra il tecnico e la società non è cambiato.«Dico di no. Sono state speculazioni. Non dò la colpa alla stampa. Il nostro modo di agire è di essere molto chiari. Da questi momenti delicati e difficili si esce con le idee chiare. Da settimane sento parlare di esonero, ma so che fa parte del nostro lavoro. Chi conosce la storia della Lazio sa che, da quando è arrivato Lotito, c’è stato un solo esonero, quello di Ballardini. Noi abbiamo dato forza al tecnico» 

Il diesse crede fortemente nella qualità dell’organico allestito in estate. «Sono convinto che abbiamo un grande gruppo, bisogna solo trovare la strada giusta. Qualcosa è possibile che abbiamo sbagliato anche noi, ma la Lazio ha un gruppo valido» . Chiusura a riccio su possibili interventi dopo Natale. «Non parlo di mercato prima di gennaio» .

Corriere dello Sport

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy