CDS – Un acquisto da 2,3 milioni

CDS – Un acquisto da 2,3 milioni

IL MESSAGGERO ROMA – I dati del bilancio alla mano. Brayan Perea è costato 2,3 milioni (2,336 per la precisione), è la quota versata dalla Lazio al Deportivo Cali, la società che ha svezzato il Coco. Il dato è rintracciabile sulla relazione finanziaria semestrale consolidata al 31 dicembre 2013. Perea,…

IL MESSAGGERO

ROMA – I dati del bilancio alla mano. Brayan Perea è costato 2,3 milioni (2,336 per la precisione), è la quota versata dalla Lazio al Deportivo Cali, la società che ha svezzato il Coco. Il dato è rintracciabile sulla relazione finanziaria semestrale consolidata al 31 dicembre 2013. Perea, classe 1993, era uno dei giovani più interessanti del panorama calcistico colombiano. Il diesse Tare l’ha studiato per vari mesi e ha deciso di portarlo in Italia, rimase colpito dalle sue caratteristiche tecniche. «E’ il nuovo Cavani», ha sospirato più volte, è l’augurio che ha rivolto a Perea. Il Coco ha firmato un contratto di cinque anni, su di lui è stato fatto un investimento futuro. Il colombiano è stato bravo ad imporsi, s’è rivelato pronto, utilissimo anche per il presente.

I NUMERI

Perea ha segnato cinque gol stagionali, uno in campionato, due in Europa League, due in Coppa Italia. E’ l’unico ad aver segnato in tutte le competizioni, in tutto ha totalizzato 22 presenze. Ha giocato da titolare 12 volte, ha segnato in 4 occasioni (nel conto va compresa la doppietta rifilata al Parma in Coppa Italia). In Europa ha una media molto alta: 250 minuti da titolare, un gol ogni 125 minuti. I gol li ha firmati con un repertorio vario: tre di destro, uno di sinistro, uno di testa. Ha migliorato le medie realizzative, nel Deportivo Cali segnò 8 gol in 41 partite, nella Lazio ha giocato 22 gare (5 reti). Quando ha avuto fiducia ha risposto bene in campo, non ha demeritato e s’è fatto trovare pronto davanti alla porta nonostante il dispendio dovuto al pressing incessante. Ha ritrovato il posto da titolare a Firenze, l’ultima apparizione in campionato risaliva al 15 dicembre (Torino-Lazio 1-0). In Europa, prima di Sofia, aveva giocato dal primo minuto il 28 novembre (Legia Varsavia-Lazio). Edy, prima del match del Franchi, gli aveva concesso la ribalta in Coppa Italia (lo promosse titolare contro Parma e Napoli). Dopo Sofia e Firenze le quotazioni di Perea sono salite, avrà più spazio in campionato.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy