CDS – Vlado cannibale: «Voglio tutto»

CDS – Vlado cannibale: «Voglio tutto»

Ora Vlado sorride: la sua Lazio, pur incerottata, pur affaticata, pur sofferente, è tornata. In trasferta, per giunta. Perché lontano dall’Olimpico la Lazio si era fermata: da quattro mesi e mezzo non riusciva a vincere. Ieri sera l’incantesimo si è finalmente rotto, nel momento decisivo visto che c’era la possibilità…

Ora Vlado sorride: la sua Lazio, pur incerottata, pur affaticata, pur sofferente, è tornata. In trasferta, per giunta. Perché lontano dall’Olimpico la Lazio si era fermata: da quattro mesi e mezzo non riusciva a vincere. Ieri sera l’incantesimo si è finalmente rotto, nel momento decisivo visto che c’era la possibilità di agganciare la Roma in classifica e di reggere il passo dell’Udinese. Due partite ancora per una corsa europea che diventa sempre più avvincente ed equilibrata. Saranno decisivi gli ultimi 180 minuti ecco perché dal punto di vista degli infortuni la serata non è stata fortunatissima: Dias è rimasto negli spogliatoi alla fine del primo tempo, Konko ha terminato la partita trascinando una gamba. Ma la soddisfazione del tecnico è evidente: « Era importante ritrovare una certa continuità di risultati. Abbiamo avuto la possibilità di lavorare con serenità e la squadra sta meglio. Non abbiamo giocato la nostra partita migliore, ma ci siamo trovati di fronte una buona Inter che ha giocato con grande determinazione, con grande orgoglio, dobbiamo ringraziare il nostro portiere che ci ha salvato in diverse occasioni. Però, siamo stati cinici, abbiamo colpito quando abbiamo avuto l’occasione. E’ evidente che con i risultati positivi aumenta la consapevolezza. Il nostro obiettivo è chiaro: vogliamo rimanere nella zona che garantisce l’accesso all’Europa ».

ATTEGGIAMENTO – Di fronte la sua squadra aveva una vecchia conoscenza, Tommaso Rocchi, uomo-simbolo e capitano fino a qualche tempo fa, volato a Milano per cercare nuova fortuna. E ieri sera Rocchi ha provato a regalare un dispiacere alla squadra. Inevitabile un accenno al futuro dell’attaccante, al suo possibile ritorno a Roma, a uno spazio all’interno della squadra di Vlado: « Rocchi è un grande giocatore e non deve dimostrare nulla a nessuno, ha segnato più di cento gol nel campionato italiano, è uno tra i migliori attaccanti. E anche questa sera ha dimostrato queste sue qualità: ha avuto due, tre occasioni, non è stato fortunato e in un caso la soddisfazione della rete gliel’ha tolta il suo amico Marchetti. Futuro? Rocchi al momento ha un contratto con l’Inter e penso possa dare una mano a questa squadra ». Ma l’aspetto più importante della serata è il ritorno alla vittoria in trasferta. E’ stato il tallone d’Achille della Lazio, si è parlato di un suo limite caratteriale. Racconta il tecnico: « Ai ragazzi prima di entrare in campo non ho chiesto tre punti, ho chiesto soltanto di tenere un atteggiamento simile a quello che abbiamo in casa. Stasera siamo entrati in campo con una determinazione maggiore, con la voglia di fare la partita, di diventare padroni del campo. Non abbiamo fatto la nostra migliore partita ma risultati fatti in queste condizioni possono solo aggiungere convinzione ».

FUTURO – Ora ci sono tre partite: due di campionato e la finale. In 270 minuti la sua Lazio si gioca il futuro, soprattutto si gioca un pezzo della prossima stagione. Vlado non ha dubbi: vuole tutto, l’accesso all’Europa League e la Coppa Italia. Insomma, non molla nulla: « Se dovessi scegliere? Scelgo tutto, l’ Europa League e la Coppa italia. D’altro canto, la vittoria in Coppa porta direttamente in quella competizione ». Ora che le cose marciano di nuovo nel verso giusto, affiorano i rimpianti per i punti buttati via e per l’Udinese che è davanti: « Il latte versato lasciamolo perdere, lasciamolo dov’è. Per arrivare in Europa dobbiamo vincere le prossime due partite, a parità di punti siamo in vantaggio sia nei confronti dell’ Udinese che della Roma. Io sono ottimista ».

Corriere dello Sport

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy