Ciani si scalda

Ciani si scalda

E’ pronto per varie soluzioni tattiche, con lui la difesa in futuro potrà schierarsi anche a tre. E’ in forma per giocare e con Petkovic, tecnico poliglotta, si capisce al volo, parlano in francese. Monsieur Ciani si scalda per il Palermo: era fuori dalla lista Uefa, sarà protagonista in campionato…

E’ pronto per varie soluzioni tattiche, con lui la difesa in futuro potrà schierarsi anche a tre. E’ in forma per giocare e con Petkovic, tecnico poliglotta, si capisce al volo, parlano in francese.  Monsieur Ciani si scalda per il Palermo: era fuori dalla lista Uefa, sarà protagonista in campionato dopodomani. Il debutto è programmato, darà il cambio ad uno tra Biava e Dias, si tufferà nell’atmosfera della serie A e dell’Olimpico. Mickael Cani è rodato, in Ligue 1 è stato protagonista col Bordeaux sino a domenica sera quando sfidò il Paris Saint-Germain di Ibra e lo bloccò sullo 0-0. Il suo arrivo permette a Petkovic di avere maggiori soluzioni difensive, di organizzare il turnover e magari di cambiare modulo. Il francese può giocare a 3 o a 4 dietro, non ha problemi. Il tecnico in Svizzera ha utilizzato spesso il 3-4-3 e non va esclusa l’ipotesi 3-5-2.

RADU – Non sarebbe male una difesa composta da Ciani, Dias e Radu. E’ un disegno compatibile con le caratteristiche dei difensori presenti in rosa, per attuarlo ci sarà bisogno del completo recupero del romeno. S’è fermato nuovamente mercoledì, alla vigilia del match di ritorno col Mura, salterà il Palermo. Radu era in campo per svolgere la rifinitura, ha accusato nuovi fastidi muscolari. Era reduce da una forte contrattura alla coscia sinistra, si tratta di una ricaduta. Oggi sarà sottoposto a controlli strumentali presso la clinica Paideia, vanno scongiurate lesioni. Petkovic si augura di averlo pronto entro 15-20 giorni, se sarà confermata la contrattura il romeno inizierà un periodo di ricondizionamento atletico. Negli ultimi cinque mesi non ha mai giocato una partita intera a causa dei problemi accusati al ginocchio sinistro, ha bisogno di trovare la migliore forma possibile per non rischiare guai fisici. Difesa, non va dimenticato Diakitè. Ha recuperato, è inattivo dal 20 luglio, si fece male alla tibia sinistra operata in passato, e il caso contratto non ha facilitato il suo ingresso in squadra. Petkovic ha fatto capire che non si farà condizionare dalle vicende extracalcistiche, il francese spera di rientrare nell’elenco dei convocati. In infermeria c’è Cana, s’infortunò a Bergamo:  «Lombalgia post-traumatica» , fu la diagnosi. E’ out, spera di recuperare durante la sosta. La botta è stata forte, ha messo male un piede ricadendo per terra, si sarebbe procurato anche un problema muscolare a livello della schiena.

EDERSON – Niente Palermo per Ederson, la data del ritorno in campo non è fissata con precisione. Clinicamente è stato definito guarito, ma il ginocchio destro continua a fargli un po’ male, i fastidi possono essere fisiologici dopo certi infortuni (trauma contusivo-distorsivo e distrazione di primo grado del legamento collaterale mediale). Sarà una settimana decisiva per il futuro di Brocchi: tra lunedì e martedì si recherà in Germania, sarà rivisitato dal professor Muller Wohlfarth. Nelle scorse settimane ha ricominciato a correre con cautela, farà un resoconto al medico tedesco relativamente alle sensazioni percepite allenandosi, poggiando il piede infortunato a terra. Spera di tornare in campo a fine settembre.

Il Corriere dello Sport

Cittaceleste

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy