#COMUNICATO – La Nord: “Non andremo a Shanghai”

#COMUNICATO – La Nord: “Non andremo a Shanghai”

AGGIORNAMENTO ORE 12 – Impazza la polemica per i costi della trasferta cinese. Oggi anche la Curva Nord, sulle frequenze di Elleradio, annuncia la sua decisione sulla nuova finalissima contro la Juve: “11.637. Questi i chilometri che l’8 agosto ci divideranno dallo Shanghai Stadium, dove la nostra Lazio si giocherà…

AGGIORNAMENTO ORE 12 – Impazza la polemica per i costi della trasferta cinese. Oggi anche la Curva Nord, sulle frequenze di Elleradio, annuncia la sua decisione sulla nuova finalissima contro la Juve: “11.637. Questi i chilometri che l’8 agosto ci divideranno dallo Shanghai Stadium, dove la nostra Lazio si giocherà la Supercoppa Italiana contro la Juventus. Gli ultras della Lazio hanno scelto di non esserci, una scelta presa a malincuore, ma vista come unica opzione possibile. In un periodo storico come questo è impensabile credere che migliaia di tifosi volino dall’altra parte del mondo per una partita di calcio. Per una finale di coppa nazionale, la scelta della sede dove verrà disputata è stata dettata dai soliti interessi a cui ormai siamo abituati e a cui non vogliamo sottometterci in alcun modo. Rimaniamo ancora legati ad un’idea di calcio differente, che veda il tifoso esser ricoperto dalle attenzioni che merita. Non abbiamo bisogno di dare dimostrazioni a nessuno, se non fare scelte dettate dall’amore verso i nostri colori, che sosteniamo fieri oltre ogni tipo di avversità e iniziativa di repressione”. Questo il comunicato letto in diretta.

 

 

ROMA – In Cina la Supercoppa si avvicina. Dopo Pechino 2009, la Lazio prova a fare il bis sei anni dopo. Allora Ballardini trionfò addirittura sull’Inter del Triplete, adesso Pioli dovrà battere per la prima volta la favoritissima Juventus a Shangai il prossimo 8 agosto. I biancocelesti – riporta Alberto Abbate su Il Messaggero – partiranno domani e dopodomani, in due spedizioni, per la missione d’Oriente, tanti tifosi si sono attrezzati per raggiungerli e sostenerli. Ma è già polemica. Dopo essersi organizzati diverse settimane prima per contenere i costi del pacchetto volo/soggiorno e per ottenere i visti per partire, parecchi sostenitori si son ritrovati davanti a una sgradita sorpresa venerdì scorso. Dal 24 luglio, cioè da quando sono in vendita i biglietti della sfida in Italia, tramite la Private Incentive Milano, agenzia intermediaria della United Vansen International Sports, licenziataria della gara: polverizzate già prima in Cina le curve e i distinti dello Stadium, quindi i tagliandi a prezzi più popolari dei 45mila posti. Oltre dunque alle spese ingenti del viaggio, laziali e juventini potranno comprare soltanto tagliandi da 131 euro sino ai 279 delle tribune, dove tra l’altro non esiste alcuna divisione fra le due tifoserie.

 

 

ULTIMO TEST – Tante le lamentele: l’ufficio marketing biancoceleste ieri si è attivato con la Lega, che però nulla può fare. Procede invece spedita l’organizzazione dei Lazio Media Store, dove saranno venduti prodotti ufficiali fra cui la seconda maglia (che verrà presentata proprio a Shanghai). In più saranno organizzati degli stand quotidianamente, dove i calciatori laziali si dedicheranno a firmare autografi e a dilettarsi con dei giochi, come nel Village d’Auronzo. La Lazio si allenerà, nei giorni che precedono la finale, nei campi vicini allo Shanghai Stadium. Stasera alle 19.30 l’ultima amichevole, prima della partenza: 10mila i biglietti venduti per Mainz-Lazio, il sesto test presso il Bruchwegstadion di Magonza. Per il settore ospiti disponibili circa 1200 i biglietti. Procede, ancora fra le polemiche, la campagna abbonamenti biancoceleste: scaduta ieri la prelazione per i vecchi abbonati, raggiunta quota 5500. Come annunciato, pochissime però le tessere staccate in Curva: la Nord è pronta ancora a presentarsi col tagliando, almeno per le prime giornate, fin quando non sarà chiuso il mercato.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy