Coppa spettacolo

Coppa spettacolo

E’ già tempo di verdetti, il primo della stagione. Lazio e Juventus tornano nuovamente faccia a faccia, questa sera all’Olimpico, per contendersi la qualificazione alla finale di Coppa Italia. La squadra di Petkovic vi arriva dopo la clamorosa sconfitta interna contro il Chievo che, però, non ha raffreddato gli entusiasmi.…

E’ già tempo di verdetti, il primo della stagione. Lazio e Juventus tornano nuovamente faccia a faccia, questa sera all’Olimpico, per contendersi la qualificazione alla finale di Coppa Italia. La squadra di Petkovic vi arriva dopo la clamorosa sconfitta interna contro il Chievo che, però, non ha raffreddato gli entusiasmi. Quella di Conte scortata dalle polemiche e dalle squalifiche per l’aggressione verbale all’arbitro Guida dopo il pareggio interno con il Genoa. La resa dei conti, in una sfida avvincente, davanti al pubblico delle partite nobili. Sugli spalti, infatti, si prevede la presenza di quasi 60 mila spettatori a spingere i biancocelesti verso il primo traguardo, che avrebbe il sapore dell’impresa. Fino a oggi, negli incontri di campionato e Coppa giocati a Torino, sono stati 2 pareggi. Dal terzo confronto dovrà uscire fuori il nome della prima finalista, perciò l’impegno riveste un peso specifico di ben altro spessore. Il gol di Mauri, segnato all’andata, almeno sulla carta, concede qualche possibilità in più alla Lazio. Ma è pura teoria perché Petkovic sa bene che non può fare troppi calcoli, che potrebbero diventare pericolosi, ma dovrà affrontare il match senza pensare al buon risultato esterno. E sa bene che, per eliminare i bianconeri, servirà sicuramente realizzare un altro gol e, soprattutto, una prova di personalità e di alti contenuti agonistici.

TORNA IL TEDESCO
Il tecnico bianconero Conte prosegue nella linea scelta per gli incontri della Coppa Italia: quella di far riposare alcuni titolari, tra cui Pirlo e Marchisio. Petkovic, che non ha comunicato i convocati, recuperato Klose, schiererà la migliore formazione possibile. L’attaccante tedesco, smaltito l’infortunio, si è allenato regolarmente e, dopo 3 partite di assenza, è deciso a riprendere il posto al centro dell’attacco. L’allenatore bosniaco ha provato sia la difesa 3, che quella a 4. Probabile che opti per la prima soluzione: il ballottaggio, a seconda del modulo che verrà scelto, chiama in causa Ciani e Candreva. Un po’ di pretattica non guasta quando in ballo c’è una finale da raggiungere. L’Olimpico si aspetta di vivere una notte di grande calcio, sognando la qualificazione.

Il Messaggero

Cittaceleste

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy