Cuore Onazi, primo stipendio ad un orfanotrofio

Cuore Onazi, primo stipendio ad un orfanotrofio

Confessioni su Twitter. E’ diventata una moda: «Sono molto felice alla Lazio», ha scritto ieri Onazi rispondendo alle domande dei suoi tifosi. Il futuro è biancoceleste, ha firmato un contratto sino al 2016. Qualcuno gli ha chiesto se spera di giocare a vita a Roma o di trasferirsi in un…

Confessioni su Twitter. E’ diventata una moda:  «Sono molto felice alla Lazio», ha scritto ieri Onazi rispondendo alle domande dei suoi tifosi. Il futuro è biancoceleste, ha firmato un contratto sino al 2016. Qualcuno gli ha chiesto se spera di giocare a vita a Roma o di trasferirsi in un club maggiore:  «Vedremo dove ci porterà il Signore…», ha replicato Eddy. Il razzismo, una piaga:  «E’ una questione delicata. Io però vivo a Roma e i tifosi sono grandiosi». Onazi ha un idolo tra gli ex campioni nigeriani, è Sunday Oliseh, l’ex juventino.

I SEGRETI -Porta il numero 23 perché  «è un passo dei Salmi molto evocativo». Da piccolo suonava il piano in chiesa  «per pregare». E’ cresciuto ascoltando gli insegnamenti del pastore Tb Joshua, l’ha definito il suo  «padre spirituale». Onazi è un ragazzo d’oro, ha svelato tanti retroscena legati alla sua vita. Il primo stipendio non l’ha speso per se stesso:  «L’ho regalato a un orfanotrofio», ha detto. Non solo la chat, il nigeriano ha indetto un piccolo concorso su Twitter. Ha posto una domanda: “Contro quale squadra ho segnato il mio primo gol con la maglia della Lazio?”. In tanti hanno pensato al match con lo Stoccarda giocato in Germania, risposta sbagliata. Ha fatto centro una ragazza nigeriana:  «In amichevole la scorsa estate contro la Nuova Circe». Onazi le ha regalato una maglia autografata.

LA NAZIONALE -Il mediano laziale domani scenderà in campo con la Nigeria a Calabar, le Super Aquile affronteranno il Kenya, il match sarà valido per le qualificazioni ai Mondiali. La Nigeria è reduce dal trionfo in Coppa d’Africa e non smette di sognare. Ieri sono stati impegnati Candreva, Marchetti e Hernanes, oggi toccherà ad altri nazionali biancocelesti. Tocca a Radu (Ungheria-Romania), Cana (Norvegia-Albania), Lulic (Grecia-Bosnia), Gonzalez (Uruguay-Paraguay) e Kozak (Repubblica Ceca-Danimarca). Stankevicius (Slovacchia-Lituania) è stato convocato, ma è reduce da vari infortuni.

Il Corriere dello Sport

Cittaceleste

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy