Dalla Bosnia può tornare il vero Lulic

Dalla Bosnia può tornare il vero Lulic

Il sogno Champions con la Lazio, il sogno Mondiale con la Bosnia. Non sarà un gran momento a livello individuale per Senad Lulic, ma lo è per le due squadre per cui gioca. Con la Lazio è terzo in classifica in Serie A, con la nazionale va ancora meglio visto…

Il sogno Champions con la Lazio, il sogno Mondiale con la Bosnia. Non sarà un gran momento a livello individuale per Senad Lulic, ma lo è per le due squadre per cui gioca. Con la Lazio è terzo in classifica in Serie A, con la nazionale va ancora meglio visto che la Bosnia è prima nel girone di qualificazione a Brasile 2014. La squadra allenata da Susic, dopo lo 0-0 strappato ad Atene venerdì, è a quota 7 punti dopo tre gare, stesso punteggio di Grecia e Slovacchia.

Derby con Stankevicius 
Sarà con queste due squadre che la Bosnia si giocherà i due posti disponibili per il Mondiale in programma tra due anni. Per inseguire il suo sogno (sarebbe la prima partecipazione ad un Mondiale) la Bosnia tornerà in campo domani sera a Zenica contro la Lituania. Per Lulic sarà anche un «derby» in famiglia con Stankevicius, chiamato dalla sua nazionale nonostante nella Lazio non abbia ancora giocato dopo il rientro dall’infortunio. Per Lulic e la sua Bosnia, però, sarà soprattutto una partita da vincere a tutti i costi per conservare il primato e magari restare da soli in vetta alla classifica visto che le altre due capolista, Slovacchia e Grecia, si affronteranno nello scontro diretto. Il c.t. Susic punterà ancora sul laziale, dopo averlo sostituito a un quarto d’ora dalla fine nel match di venerdì scorso con la Grecia.

Rebus ruolo 
Lulic giocherà molto probabilmente da esterno sinistro basso, come sta quasi sempre facendo quest’anno con la Lazio. Un ritorno alle origini che, almeno per quel che riguarda le prestazioni nella sua squadra di club, non sembra averlo agevolato. Ma il rendimento inferiore alle attese non è figlio solo dell’arretramento sulla linea difensiva: Lulic ha finora pagato pure una condizione fisica non ideale. La nazionale può aiutarlo a recuperare la forma migliore. Venerdì ad Atene ha dato segni di risveglio (ha pure sfiorato un gol), domani contro la Lituania di Stankevicius è attesa la conferma. In attesa del big-match di sabato con il Milan.

gazzetta dello sport

Simone Davide

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy