Di Martino:”Mauri,posizione delicata”

Di Martino:”Mauri,posizione delicata”

Si apre una settimana calda sul fronte calcioscommesse. Nei prossimi giorni, infatti, dovrebbero arrivare i deferimenti della Procura federale legati al caso Gianello (tentata combine di Sampdoria-Napoli ammessa dall’ex portiere dei campani sia con la magistratura ordinaria, sia dagli 007 federali): la squadra di Mazzarri rischia la penalizzazione di un…

Si apre una settimana calda sul fronte calcioscommesse. Nei prossimi giorni, infatti, dovrebbero arrivare i deferimenti della Procura federale legati al caso Gianello (tentata combine di Sampdoria-Napoli ammessa dall’ex portiere dei campani sia con la magistratura ordinaria, sia dagli 007 federali): la squadra di Mazzarri rischia la penalizzazione di un punto, mentre l’omessa denuncia potrebbe essere contestata a Paolo Cannavaro e Grava. Non è questo l’unico processo rinviato questa estate da Palazzi. L’altra situazione aperta è quella che riguarda la Lazio, Stefano Mauri e il Genoa con Omar Milanetto. Dopo la visita di Palazzi a Cremona (venerdì scorso) dal pm di Martino, la strada sembra in discesa per dei deferimenti in tempi non lunghi (dopo il processo al Napoli) anche in questo filone. La Procura non attenderà, infatti, i nuovi documenti sul capitano della Lazio indagato pure a Berna per riciclaggio dal pm Elena Catenazzi. Basteranno i documenti già ricevuti da Cremona per contestare gli illeciti.

PARLA DI MARTINO
A proposito, ieri il procuratore di Martino ha ribadito che la posizione penale di Mauri è da considerarsi «delicata». Intervistato su Rai Due nella trasmissione Stadio Sprint ha aggiunto: «Si tratta di una persona interessata da un provvedimento di custodia cautelare che ritengo tuttora fondato». Mauri era stato arrestato lo scorso 28 maggio con l’accusa di aver partecipato alle combine di Lazio-Genoa e Lecce-Lazio. Di Martino ha anche risposto a una domanda su Antonio Conte (anche lui indagato per associazione a delinquere) ridimensionando il coinvolgimento del tecnico juventino: «La sua posizione non è particolarmente compromessa». Non è da escludere nelle prossime settimane una archiviazione. Sull’inchiesta il pm di Cremona ha sottolineato: «Per molti giocatori, non solo per qualcuno, manipolare le partite a fine campionato con le squadre in posizione di classifica non più modificabile costituisce un peccato quasi veniale. E questa è la cosa che più mi sconvolge»

La Gazzetta dello Sport

Cittaceleste

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy