Difesa di ferro

Difesa di ferro

Vede rosanero, la Lazio alza un muro. Invalicabile: solo una rete subita negli ultimi quattro incontri casalinghi. Non solo. Appena tre sconfitte all’Olimpico contro il Palermo in 22 precedenti di Serie A: 14 successi dei biancocelesti, cinque pareggi. Finì 0 a 0 la sfida del 25 settembre 2011. Un risultato…

Vede rosanero, la Lazio alza un muro. Invalicabile: solo una rete subita negli ultimi quattro incontri casalinghi. Non solo. Appena tre sconfitte all’Olimpico contro il Palermo in 22 precedenti di Serie A: 14 successi dei biancocelesti, cinque pareggi. Finì 0 a 0 la sfida del 25 settembre 2011. Un risultato particolare, perché la Lazio, dopo il Pescara, è la squadra che da più partite (23) non termina una gara a reti bianche (dallo scorso 21 dicembre contro il Chievo).
L’EX BIAVA- S’immolerà alla tradizione, la retroguardia biancoceleste. Al centro straordinari per il grande ex della partita. Si scalda Giuseppe Biava: cinque stagioni in rosanero, dal 2004 al 2008, con 112 presenze e cinque gol. E’ maturato negli ultimi anni, adesso Biava è esperto. C’è un dato curioso però: il difensore biancoceleste ha subito otto espulsioni in carriera (quattro proprio quando giocava in Sicilia), una delle quali contro i rosanero, in Palermo-Lazio dell’ottobre 2010. Non l’ha certo dimenticata.

HERNANES TABU’-Frullano, i numeri. Anche quelli negativi. Se li ricorda, Hernanes. Forse per questo ha iniziato a tremila la stagione. Per cancellare quella “maledetta” statistica: giocatore più sostituito della serie A. Col Palermo l’en plein: fuori anzitempo in tutte le quattro apparizioni con i rosanero, alla pari delle sfide contro il Chievo. E’ la gara che il Profeta “maledice” da due anni. E’ pronto a benedirla.
ROCCHI – Avrà chiesto consiglio a Rocchi, Hernanes. Una sbirciata ai colori rosanero, il capitano diventava Tommy-gol. A un centro dai 100 in serie A, Rocchi ha realizzato sette reti contro il Palermo: con nessun’altra squadra s’è rivelato più letale. L’attaccante veneziano ha segnato la sua prima doppietta con la maglia della Lazio proprio contro il Palermo, nel settembre 2005. Stasera però Rocchi sarà in panchina. Potrebbe essere l’amuleto, in caso di difficoltà.
ARBITRO PORTAFORTUNA- Un portafortuna persino col fischietto in mano. La Lazio non ha mai perso in casa con l’arbitro Domenico Celi: due vittorie e due pareggi. Mica male.

Il Corriere dello Sport

Cittaceleste

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy