Dubbio Hernanes

Dubbio Hernanes

Ederson come antidoto alla crisi. E un modulo ancora più spregiudicato. Le mosse di Petkovic per uscire dall’impasse provocata dal doppio k.o. con Genoa e Napoli sono all’insegna del coraggio. E così domani contro il Siena la Lazio avrà un assetto ancora più offensivo con gli esterni Candreva e Mauri…

Ederson come antidoto alla crisi. E un modulo ancora più spregiudicato. Le mosse di Petkovic per uscire dall’impasse provocata dal doppio k.o. con Genoa e Napoli sono all’insegna del coraggio. E così domani contro il Siena la Lazio avrà un assetto ancora più offensivo con gli esterni Candreva e Mauri che si affiancheranno alla punta Klose e al trequartista Ederson per un modulo che sarà di fatto un 4-2-4. Ederson trequartista, dunque. Sarà lui la grande novità di giornata. Il brasiliano giocherà la prima partita ufficiale da titolare. La promozione arriva anche e soprattutto grazie al lieve infortunio che blocca Hernanes (contusione al piede sinistro). Il Profeta, in realtà, potrebbe scendere in campo, ma il tecnico preferisce farlo partire dalla panchina, visto che ultimamente ha sempre giocato. E così toccherà a Ederson, che avrà il compito di assistere il Klose un po’ troppo isolato delle ultime partite. Ed avrà altresì l’incombenza di dare un tocco di fantasia alla manovra.

Lotito carica
Basterà per far ripartire la Petko-Lazio? Claudio Lotito è convinto di sì: «Quello che è successo al San Paolo può capitare. Dobbiamo però tornare con i piedi per terra e fare tesoro degli errori commessi. La Lazio deve raggiungere i propri obiettivi attraverso il sacrificio, lo spirito di unione, la determinazione e un cinismo agonistico che in alcune partite è mancato. Ma sono sicuro che ci riscatteremo». Nell’attesa il presidente esulta per un altro motivo: anche quest’anno, come è sempre successo sotto la sua gestione, il bilancio societario è stato chiuso in utile.

Il Messaggero

Cittaceleste

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy