E Vlado pensa al Siena

E Vlado pensa al Siena

Allenamento in terra tedesca: la Lazio ha lavorato a Dusseldorf ieri mattina (palestra e piscina), è rientrata a Roma nel pomeriggio, oggi si ritroverà a Formello. Prossimo obiettivo: il Siena. Si giocherà in posticipo lunedì sera, ci sarà un po’ di tempo in più per recuperare dalle fatiche europee. E’…

Allenamento in terra tedesca: la Lazio ha lavorato a Dusseldorf ieri mattina (palestra e piscina), è rientrata a Roma nel pomeriggio, oggi si ritroverà a Formello. Prossimo obiettivo: il Siena. Si giocherà in posticipo lunedì sera, ci sarà un po’ di tempo in più per recuperare dalle fatiche europee. E’ in dubbio Mauri, ha saltato il match contro il Borussia, effettuerà un test decisivo nelle prossime ore:  «Sta svolgendo un lavoro specifico, domani (oggi, ndr)  potrebbe aumentare i carichi di lavoro per essere arruolabile. Se non risponderà positivamente lo rivedremo solo giovedì prossimo», ha spiegato il dottor Stefano Salvatori a Lazio Style Radio. Il centrocampista spera di esserci in Toscana, se non ce la farà si candiderà per un posto in vista della sfida di ritorno contro i tedeschi (è in programma giovedì sera all’Olimpico). Petkovic ha ritrovato in gruppo Onazi (rientrato dalla Coppa d’Africa) e Ederson (si sta allenando con continuità, ma deve ritrovare la forma fisica). Il nigeriano scalpita, s’è consacrato con la sua Nazionale, non ha dimenticato la Lazio. Ci sarà bisogno di lui, la presenza in rosa garantisce un cambio a centrocampo.

L’ASSENZA -A Siena non ci sarà Ledesma, deve scontare un turno di squalifica. Hernanes in Germania ha deliziato in versione regista, con tutta probabilità sarà confermato in questo ruolo. Accanto a lui, in un ipotetico 4-4-2, si piazzerebbe Cana. Vlado deve ridisegnare la linea mediana: se Mauri non recupererà a sinistra sarà confermato Lulic, Candreva occuperà la fascia destra. Turnover in difesa: Dias potrebbe lasciare il posto a Ciani, in questo caso giocherebbe Biava. Konko e Radu sono costretti agli straordinari. Petkovic, sposando il 4-4-2 che ha cambiato la partita contro il Borussia, s’affiderebbe alle due punte, alla coppia Floccari-Kozak.
HERNANES -Hernanes sarà l’ago della bilancia in assenza di Ledesma. In Germania, nella seconda fase, ha arretrato il raggio d’azione, può esibirsi in vari ruoli, non è una novità. In Brasile partiva da dietro, per lui l’importante è giocare, è vincere:  «E’ stata una partita molto particolare contro il Borussia – ha confidato a globoesporte.com –  non mi era mai capitato di giocare sotto la neve e non avevo mai visto fischiare tre rigori contro la mia squadra. Per fortuna siamo riusciti a superare anche queste difficoltà, abbiamo strappato un buon risultato. I gol in trasferta contano molto in una competizione come l’Europa League». Il caschetto protettivo gli ha permesso di tornare in campo, ha anticipato i tempi di rientro dopo l’infortunio accusato nella semifinale contro la Juventus:  «Non mi piace stare fuori, per costringermi a non giocare deve esserci una causa di forza maggiore. La verità è che mi sento molto bene dopo essere stato fermo. Non sono preoccupato quando gioco, il casco mi fa sentire protetto. In Germania è stato una salvezza, mi ha tenuto al caldo le orecchie…». Non perde mai il sorriso, il Profeta.

Il Corriere dello Sport

Cittaceleste

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy